35 candeline per Radio Barbagia

A Nuoro si festeggia un altro importante anniversario per questa stazione cittadina, di ispirazione cattolica.

Siamo tornati a Nuoro, città molto 'versata' sul fronte radiofonico e televisivo per festeggiare la seconda emittente radiofonica cittadina Radio Barbagia (l'altra è Radio Nuoro Centrale), che ha spento anche lei 35 candeline, ed abbiamo parlato con Graziano Canu e Don Francesco Mariani, che ci hanno illustrato il percorso compiuto dall'emittente lungo questi anni.

La Radio nasce il 1° maggio del 1977, per volere dell'allora vescovo Monsignor Giovanni Melis e del canonico Don Rosario Menne, nell'ala sinistra della cattedrale in Piazza Santa Maria della Neve 10 ed ancora oggi “vi risiede”.

“Agli inizi trasmettevamo dalle 17 sino alle 24 poi dal 1978 si è iniziato a fare le 24 ore - ci ha detto Graziano Canu - . Dal 1977 al 1981 eravamo 'quasi una Radio privata' ma proprio nel 1981 venne creata una cooperativa chiamata Radio Tele Barbagia con 13 soci ed il presidente era Giovanni Puggioni, che dopo tanti anni ora è stato rieletto nuovamente presidente. Abbiamo dato questo nome alla Radio perché allora si prospettava anche l'ipotesi di fare la Tv, ma non alla fine l'abbiamo mai fatta…”.

Sempre in quell'anno arriva in Radio Don Francesco Mariani, che ne diviene da subito direttore della testata giornalistica. “La sua prima frequenza in città è quella dei 103.000 MHz, che nel 1978 vengono portati a Monte Ortobene - prosegue Graziano - . Nel 1982 attivammo i 92.000 da Punta Badde Urbara (OR), ottimizzati subito a 91.900. Nel 1984 ecco a Punta Arturu Mele a Siniscola (NU) i 92.000; infine nel 1985 abbiamo attivato i 97.200 da Capocomico. Nel 1989 invece acquistammo i 102.000 da Radio Ortobene che poi cedemmo nel 1992 a Radio Planargia di Bosa (Nu), che a sua volta la cedette ad un network…”.

Punto di forza dell'emittente già dal primo giorno è stata ed è a tutt'oggi l'informazione locale. “Già subito dopo il mio arrivo -dice Don Mariani - percepii che la Radio si doveva accreditare con delle caratteristiche precise, se voleva essere ancorata ad un territorio dove non c'era l'energia elettrica nelle campagne e l'unico modo per avere notizie era sintonizzarsi con la Radio…”.

Ad occuparsi del Gr locale, in 7 edizioni giornaliere più 7 Gr nazionali, da ormai 30 anni è stato e continua ad essere il giornalista Graziano Canu, che dal 2000 è impegnato anche con Videolina ma, dice, “continuo a seguire la Radio per passione e perché ci sono sin dal primo giorno. Il Gr locale c'è infatti appunto sin dal primo giorno della Radio ed io ho iniziato a curarlo a partire dal 1982, mentre prima conducevo un programma”.

Un altro dei punti di forza di Radio Barbagia è la rassegna stampa mattutina in onda alle 8 alle 8.30, di cui si occupa Don Mariani, che alle volte è sostituito dallo stesso Canu. “Questo è l'approfondimento più seguito - riprende Don Mariani - , oltre alla Messa della domenica alle 9.30. Ma noi come Radio abbiamo dato spazio alla cultura, sotto la forma della pubblicazione di 6 volumi e di 10 tra nastri e cd, l'ultimo dei quali pubblicato per il trentennale della Radio. Ma non dimentichiamoci anche l'organizzazione dei concerti di grossi artisti del panorama nazionale, come Fabrizio De Andrè, i Pooh, Renato Zero, Gianni Morandi, solo per citarne alcuni”.

L'emittente attualmente è impegnata nella digitalizzazione e catalogazione della discografia in lingua sarda del suo archivio. “La lingua e la cultura sarda - dice don Mariani - occupano attualmente il 25% del nostro palinsesto e ricoprono un posto molto importante: vengono oggi seguite da Franco Stefano Ruiu e da Costantino (Cicino) Congeddu”.

Fra i suoi speaker più conosciuti, citiamo, oltre al direttore e a Graziano Canu, anche Don Gonario Cabiddu, Luigi Crisponi (attuale assessore regionale al turismo, che ha anche creato il logo dell'emittente, un pappagallo), Mimiu Bussa, Giovanni Piga, Franciscu Satta, Pascale Minzone, Mariano Ganga e molti altri ancora, che si sono alternati in questo 'trentacinquennio' ai microfoni della Radio diocesana.

Il 95% della programmazione è autoprodotta,il restante 5% sono i Gr nazionali della News Press. Oggi vengono occupati 3 dipendenti e collaborano altre 20 persone, la pubblicità è autoprodotta, mentre per ciò che riguarda l'alta frequenza si usufruisce di tecnici esterni. Non c'è alcuna concorrenza con l'altra emittente cittadina “perché - ha concluso Graziano - ognuno viaggia per la sua strada”.

Per chi volesse contattarla, ecco le coordinate: Radio Barbagia 08100 Nuoro, piazza Santa Maria della Neve 10, tel. 0784/36165, fax 078436115, www.radiobarbagia.it - info@radiobarbagia.it.

Pubblica i tuoi commenti