Arriva Loft, la Tv del ‘Fatto’

Da alcuni giorni è in onda su La7 lo spot che annuncia la nuova ‘piattaforma Tv’ Loft, che parte il 3 novembre: la pubblicità mostra una serie di volti (molti sono giornalisti) abbastanza noti anche sul piccolo schermo (fra questi anche Giuseppe Cruciani) e promette una Tv nuova, quella ‘che avete sempre sognato’.

Ma di che si tratta? Ebbene è la preannunciata (nei mesi scorsi) piattaforma Tv (a pagamento) della società che pubblica (anche e soprattutto) ‘Il Fatto Quotidiano’, il giornale diretto da Marco Travaglio, tenendo peraltro presente che questa è un’iniziativa diversa a pieno carattere televisivo, non certo la semplice trasposizione sul video del quotidiano o dell’attivissimo sito (con sezione Tv) ilfattoquotidiano.it, diretto da Peter Gomez.

Dal 3 novembre (in origine l’iniziativa doveva partire il 3 ottobre) ci si può dunque abbonare a Loft con apposita app su Pc, tablet e smartphone. I prezzi? 9,99 euro per i primi tre mesi, poi 14,99, e 39,99 per un anno intero.

Ma vediamo la presentazione di Loft sul sito della piattaforma stessa, ‘firmata’ dalla AD della Società Editoriale Il Fatto Cinzia Monteverdi (nella foto):

 

“Loft è un progetto Tv della “Società Editoriale Il Fatto” che vuole offrire contenuti e format esclusivi che possano interessare una platea di spettatori sempre più vasta. Con Loft vogliamo allargare anche gli orizzonti in direzione di un pubblico più giovane, non sempre interessato all’offerta televisiva tradizionale. Loft nasce nei nostri studi Tv, che sono strutturati proprio come un grande appartamento, nel quale i nostri protagonisti danno vita a format esclusivi. Faremo informazione, ma anche intrattenimento. A novembre partiremo con la prima offerta di contenuti in abbonamento sulla piattaforma Tv, formata da un’applicazione dedicata e dal sito www.iloft.it e da contenuti free sul canale Facebook www.facebook.com/iloft.

Saranno tanti i protagonisti del nostro Loft, a partire dai giornalisti de Il Fatto Quotidiano, ma anche tanti personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo. Ci saranno anche giovanissime webstar che ci aiuteranno a comunicare con un mondo di giovani che vogliamo scoprire e portare con noi nel nostro percorso. La linea editoriale del Loft è molto semplice: intrattenere con contenuti di qualità. Le nostre stagioni di palinsesto saranno trimestrali. Il tutto sarà composto dalla nostra splendida squadra Tv interna”.

 

Per gli interessati la ‘squadra’ di cui sopra (con tanto di tecnici, direttori di produzione ecc.) è illustrata in dettaglio sul sito stesso, mentre per capire meglio la situazione abbiamo ritrovato un articolo molto ‘entusiasta’ (a firma di David Perluigi) dello stesso ‘Fatto Quotidiano’, pubblicato il 1° settembre, all’indomani della presentazione di Loft, avvenuta alla Versiliana, in Toscana:

 

“Il countdown della tambureggiante “Lofter Night”, la prima di una serie, è partito ieri sera alle 20.00 al Parco la Versiliana di Marina di Pietrasanta. Sold out! Oltre 2500 persone in piedi e urlanti che hanno seguito dal vivo e sui maxi-schermi lo spettacolo live di lancio della piattaforma televisiva Loft della società Editoriale il Fatto. In onda dal 3 ottobre (come si diceva prima; N.d.R.) sull’app dedicata e su www.iloft.it...

La star del web Gordon ha aperto lo show lanciando la sigla di apertura dell’applicazione Loft. Una clip in cui un drone, in una suggestiva luce serale, sorvola Roma e si avvicina a un bellissimo stabile vicino alle affascinanti rovine di Caracalla. La steadycam svela lo svolgimento di un party all’interno, appunto, di un Loft. Il direttore del giornale di via Sant’Erasmo, Marco Travaglio, dialoga con Sabina Guzzanti. Il giornalista e scrittore accenna a quello che sarà il suo atteso programma, ‘Balle Spaziali’. Quelle che spara ogni giorno l’informazione, la politica, l’imprenditoria. Senza assoluzioni per nessuno. La regista e attrice rincalza sul giornalismo troppo spesso prono ai potenti. Lei sarà infatti “l’anchorwoman”, e tanto altro, del telegiornale satirico TgPorco (già visto all’interno di ‘Piazzapulita’ su La7; N.d.R.) nel Loft. Poi le telecamere passano a inquadrare il direttore de ilfattoquotidiano.it Peter Gomez, altra firma e volto di punta della nuova piattaforma. ‘La Confessione’ è il nome del format che lo vedrà anche tra gli autori. E di lì via via si svelano i volti anche di Marco Lillo e Andrea Scanzi; ‘Sekret’ e ‘The Match’, i loro rispettivi programmi. Inchieste e dibattiti serrati.

Ma non è tutto. Selvaggia Lucarelli con ‘Opinionleader (cercasi)’, Barbara Alberti con ‘Diavoli’, Vittoria Schisano, Rosita Celentano saranno le altre protagoniste e regine dell’intrattenimento. A Gianfranco Vissani invece, genio burbero della cucina, il compito di preparare i piatti prelibati per gli inquilini e gli ospiti del Loft.

E, vista la sua esuberanza, di provocarli nel suo ‘Cavoli a merenda’ in coppia con la figlia del Molleggiato.

A chiudere la clip c’è Cinzia Monteverdi, amministratore delegato del Fatto, direttore editoriale di questo nuovo e impegnativo progetto che nel finale delle sigla annuncia: “Nel Loft saremo liberi di fare un po’ di tutto”.

Matteo Maffucci, “il cinquanta per cento degli Zero Assoluto”, così viene definito ironicamente sul palco, è il mattatore invece della ‘banda’ di influencer e webstar della scuderia della One Shot Agency che daranno vita a Lofter, spazio che vorrà valorizzare la pluralità di linguaggi multimediali usati oggi dalla rete. La giovanissima Elisa Maino, diva su Musical.ly e poi gli youtuber Giacomo Hawkman e Anthony IPant’s, i pranker The Fools, Federico Palmaroli de ‘Le più belle frasi di Osho’, solo per citarne alcuni, saranno i protagonisti che si avvicenderanno per ingrandire la vastissima platea di “fan” digitali e fare così il pieno di like, condivisioni, retweet e followers. Così da creare una interazione sempre più forte tra internet e contenuti video di maggiore qualità e spessore. Spessore che troveremo anche nei cortometraggi coprodotti dalla Loft produzioni…

Una serie di format ai quali se ne aggiungeranno altri nel corso del tempo. Come le finestre live dedicate a un giornalismo che vuole uscire dai canoni classici della Tv o gli spettacoli teatrali, come Slurp con Travaglio e Giorgia Salari, le sit-com, i documentari, i reportage. Intanto nella neonata factory di via Sant’Erasmo si procede alla pubblicazione delle anticipazioni su Facebook…

E in un video che rimbalza su tutti gli schermi allestiti per la seguitissima kermesse in Toscana de Il Fatto, i protagonisti di Loft affermano: “È una figata pazzesca”; “creatività senza briglie”; “un delirio”. Lo stesso del pubblico giovane assiepato alla Versiliana che ha applaudito il lancio di Loft e si è fatto trascinare dalla musica di Ghali, Capo Plaza, Bugo e Achille Lauro in una moderna esperienza di emozioni e suoni”.

There are 3 comments

  1. Luigi Giannelli

    In bocca al lupo (si dice ancora?).Vi seguo da sempre ,mi abbonerò appena possibile sicuro che continuerò a leggere notizie provatamente vere o quantomeno realistiche,senza nascondere la polvere sotto il tappeto come
    fanno alcuni giornalisti che,moralmente,non avrebbero diritto di essere considerati tali.

Rispondi a Luigi Giannelli Annulla