“Assolta” Radio Vaticana

Correlazione tra esposizione a campi a radiofrequenza nell’area di Cesano e l’insorgere di leucemieO Nessuna prova.

Questa la conclusione resa nota dal ministro della Salute Girolamo Sirchia e dallo staff di esperti che aveva l'incarico di analizzare i presunti rapporti tra il rischio di leucemia e l'elettrosmog, in particolare nell'area intorno all'impianto di Santa Maria di Galeria di Radio Vaticana, messo ripetutamente sotto accusa nei mesi scorsi.

"In base alle conoscenze scientifiche - afferma il ministro in una nota - il rapporto non ha evidenziato una correlazione tra l'esposizione a campi a radiofrequenza e l'insorgere di leucemie.

D'altra parte il numero dei casi analizzati è stato relativamente basso per considerare questo studio completamente probante.

Nonostante ciò, questo tema non verrà trascurato e saranno effettuate ulteriori ricerche".

Secondo il rapporto, "i dati non dimostrano una relazione tra emissioni radio del centro di Radio Vaticana di Santa Maria di Galeria e incidenza e mortalità per leucemie infantili", mentre "la mortalità e l'incidenza di leucemia infantile della zona circostante la radio per 10 Km non sono diverse da quelle del Comune di Roma"; non è inoltre dimostrato né un eccesso di incidenza di leucemia nella zona di 10 Km dalla Radio Vaticana, né un decremento del rischio a distanza crescente.

Insomma, un bel colpo per certi allarmismi un po' forzati che nei mesi scorsi l'avevano fatta da padroni, sostenuti anche da politici in cerca di popolarità, provocando anche (come si ricorderà) la rivolta di alcuni scienziati e dello stesso allora ministro della Sanità Veronesi.

Pubblica i tuoi commenti