‘Bau Boys’: gli animali protagonisti su Italia 1

Torna “Bau Boys”, la Tv dei ragazzi di Italia 1 firmata Barter, in onda ora dal lunedì al venerdì alle 17.10.

Team più forte, nuova sede “metropolitana”, nuovi protagonisti, un respiro internazionale. Sono tante le novità di una produzione originale - una rarità nell'era della frammentazione digitale - che va a collocarsi nel cuore del pomeriggio di Italia 1 proponendo alcuni degli aspetti migliori di quella che una volta era la Tv dei ragazzi.

Dal 27 febbraio 2012 alle 17.10, dal lunedì al venerdì, ritorna “Bau Boys”, il programma dedicato agli amici degli animali. La stagione scorsa ha registrato buoni ascolti, culminati nell'ultima puntata con quasi 1 milione di telespettatori. Grazie a “Bau Boys”, è nato e cresciuto un sito - www.bauboys.tv - che ha assunto un ruolo di riferimento per un nutrito numero di amici degli animali e di spettatori del programma.

Nella prima edizione, il programma aveva come protagonista un gruppo di ragazzi guidati da Marco Berry: una squadra con l'obiettivo di portare a termine importanti missioni in favore di cani, gatti, cavalli, maialini etc. etc, ma anche di aiutare strutture di accoglienza bisognose, di favorire adozioni e di compiere tante altre piccole e grandi “buone azioni”.

Nella seconda edizione gli orizzonti della sfida si sono allargati: al racconto e alla soluzione dei casi si aggiunge una parte completamente nuova: informazione, storie, immagini, inchieste arriveranno da tutto il mondo. E sarà ancora più importante il versante 'formativo', la parte dedicata ai consigli utili per capire come curare, aiutare ma anche, semplicemente, come meglio relazionarsi con gli animali domestici (e non), che hanno assunto un ruolo sempre più importante nelle nostre vite.

Come già accennato sono molte le novità, a partire dalla sede. La squadra di “Bau Boys” si avvale di un quartier generale efficiente e moderno, in cima ad una suggestiva torre nel cuore del Parco di Milano. Ma vediamo come si è rinforzata la squadra.

Il sergente Marco Berry avrà al suo fianco Cristina Chiabotto che, con la sua immagine positiva, in linea con i valori della trasmissione, proporrà bambini che salvano animali in pericolo, 'arruolando' e convincendo tanti altri ragazzi a fare lo stesso in giro per l'Italia.
Un'altra figura femminile chiave è quella di Arianna Bergamaschi, personaggio molto caro ai bambini, ultimamente, protagonista del musical “La bella e la bestia”.

Altra figura importante, quella dell'inviato speciale Manolo Martini, impegnato per “Bau Boys” in situazioni anche particolarmente critiche.
Protagonista del programma anche la mascotte, Bau, che nella vita reale è un cane da salvataggio, un golden retriever di cinque anni pluricampione mondiale di soccorso nautico.

Infine, la rete di esperti: oltre a Offer Zeira, il 'Doctor House' degli animali, partecipano a questa seconda serie Roberto Marchesini, medico veterinario comportamentalista, Max Cibelli, espertissimo dog trainer e Luke Gamble, veterinario inglese di fama internazionale, capace di risolvere anche complessi casi riguardanti animali selvatici e rari.

Il programma, format originale di Barter, mira a replicare il successo ottenuto all'estero da trasmissioni come “Bindi the jungle girl”, “Dogtown”, “Dog Whisperer”, “Emergency Vets”.

Nata all'inizio degli anni novanta, Barter ha conquistato rapidamente la leadership nel mercato del bartering televisivo, un primato che ancora ampiamente detiene. Tra i tanti programmi che ne hanno caratterizzato la storia hanno ottenuto consenso di critica e pubblico titoli e format come “Tg Rosa”, “Modeland”, “Come Thelma & Louise”, “Music Zoo”.
Barter ha maturato un'ampia esperienza su tutte le formule più evolute d'incrocio tra contenuti editoriali e pubblicità. E ai partner viene innanzitutto offerta la possibilità di far vivere il proprio brand all'interno di un vero e proprio ecosistema multimediale, valorialmente in tono con il posizionamento.

“Bau Boys” è prodotto da Barter Spa. Il programma, ideato da Maurizio Monti e Maurizio Palladino, a cura di Roberto Mangano, è scritto da Maurizio Palladino. La regia è affidata a Maurizio Monti e Maria Sorrentino.

Pubblica i tuoi commenti