Buon compleanno a Radio Budrio

Il 24 dicembre 1975 cominciavano le trasmissioni dell' emittente bolognese. Il 24 settembre 1976 veniva fondata la cooperativa Radio Budrio

Conto alla rovescia per la festa, il 15 ottobre al Teatro Consorziale di Budrio (BO), con la quale Radio Budrio festeggia i suoi primi quarant'anni. L'avventura di Radio Budrio comincia la notte del  24 dicembre 1975 con un gruppo di ragazzi (tra i quali il futuro presidente della radio e futuro sindaco di Budrio, il compianto Marco Negri) che si avventurava con un piccolo e rudimentale trasmettitore, una antenna montata sul tetto e la voglia di inventare, sperimentare, abbattere le regole precostituite della comunicazione. Come oggi la rete, l'etere era allora un luogo inesplorato e non completamente regolamentato, così l' avventura di Radio Budrio partita clandestinamente e su frequenze non ben identificabili, si sviluppava in un turbinio di antenne e tralicci montati in luoghi impossibili con metodi avventurosi e luoghi di trasmissione improbabili.

Con il passare degli anni "la sede della radio era un’esigenza non più rinviabile", racconta Gabriele Montanari, presidente fino al 1988. "Dopo pollai disabitati, garage riadattati, case coloniche con stalla e mobilifici abbandonati, avevamo bisogno di un luogo fisico dove crescere e progettare il futuro". Così, passato il testimone all' attuale presidente Mara Generali, la radio è diventata un luogo non solo immaginario ma una dimora per affezionati. "Gli ascoltatori hanno con noi un rapporto molto stretto, alcuni addirittura vengono ancora a trovarci come ai vecchi tempi" ha detto Mara Generali.

Tra le voci storiche dell'emittente ci sono i compianti Cesare, il Barone, Romagna, Fantoni, lo Sparviero e Marco Negri, in tempi più recenti i fratelli Anselmo e Maurizio Rizzi, ora giornalista, conduttore televisivo e collaboratore del Bologna FC. In quarant'anni a Radio Budrio è stata invece la tradizione a rinnovarsi: "A braccia aperte", il talk show del sabato mattina a cura di Renato Clò, è in onda dal 1978, "Giribimbi", l' immancabile appuntamento domenicale con favole e sigle dei cartoni animati, è una idea delle origini. "Mezzogiorno di folk" e "Liscia che ti passa", le fasce di liscio e musica da ballo resistono dalle prime ore di trasmissione, rigorosamente posizionate a pranzo e cena. La sfida di oggi e domani è legata ad una radio tutta "on demand", con rubriche riascoltabili in qualsiasi momento dalla sezione podcast, fitte interazioni tramite i social network e una presenza sul territorio più che mai "fisica" negli eventi live.

Ospiti d' eccezione alla serata organizzata presso il Teatro Consorziale di Budrio il 15 ottobre (ingresso gratuito) saranno, tra gli altri, Extraliscio (definiti "la balera del futuro" o "il punk da balera"),  Moreno Il Biondo e Mauro Ferrara, voci del liscio romagnolo, Mirco Mariani, musicista eclettico con esperienze jazz e capo orchestra di Vinicio Capossela.

 

Pubblica i tuoi commenti