Calcio: il gran giorno dei diritti Tv

Lega e club in ansia alla vigilia della decisione del Tribunale civile di Milano sulla richiesta di sospensione presentata da Conto Tv contro l’assegnazione a Sky: in ballo 571 milioni di euro… La ‘tranquillità’, invece, di Marco Crispino di Conto Tv.

Ecco l'articolo apparso su www.repubblica.it:

«Qualcuno dei presidenti ci ha davvero perso il sonno, come paventato ieri con una battuta secca ma efficace da Tommaso Ghirardi, patron del Parma, al suo arrivo negli uffici della Lega Calcio per una riunione convocata d'urgenza. Già, perché c'è in ballo la sopravvivenza della serie A (ma di conseguenza anche dell'intero movimento calcistico) nell'udienza del Tribunale civile di Milano fissata per (venerdì 14 maggio) per decidere sulla richiesta di sospensiva presentata dai legali di Conto-Tv in merito all'assegnazione a Sky dei diritti per la piattaforma satellitare. Se infatti il Tribunale decidesse di accogliere la richiesta dell'emittente televisiva, i club avrebbero un mancato introito di 571 milioni di euro, che è facilmente quantificabile in qualcosa che supera il 40% del bilancio previsto. Un danno, paradossalmente, assai più ingente di quello provocato da un giudizio di merito sfavorevole.
Il rinvio, come giustamente fanno notare gli addetti ai lavori, paralizzerebbe di fatto gran parte dell'attività in attesa di stabilire quello che gli avvocati delle società danno per scontato e cioè che l'assegnazione a Sky dei diritti è legittima. Intanto però, coi tempi della giustizia civile, si sarebbero letteralmente dissanguate le società che, una volta ottenuta ragione, avrebbero oramai dovuto come minimo ridimensionare di molto le loro ambizioni. Basti pensare che entro il 30 giugno le società devono completare la loro iscrizione al campionato che comincia il 28 agosto, presentare i bilanci alla Covisoc per la certificazione e, ovviamente, predisporre il mercato per la prossima stagione. Farlo senza i milioni di euro previsti in arrivo dal primo luglio prossimo, su un giro d'affari complessivo stimato in 1.400 milioni, significa come minimo un grande ridimensionamento del calcio italiano. Sempre che tutte le società riescano a sfuggire al fallimento, comprese quelle di B che aspettano di ricevere la fetta loro spettante dalla mutualità…

Tutto ciò mentre ostenta grande fiducia Marco Crispino, amministratore delegato di Conto Tv, alla vigilia della decisione del Tribunale di Milano che potrebbe sospendere la validità dei contratti televisivi della Lega Calcio. "Per domani ci sentiamo molto forti, la sentenza del Tar ha chiarito come stanno le cose: per generare concorrenza ci vogliono più pacchetti e devono essere bilanciati - ha spiegato Crispino ai microfoni di Radio Radio Tv - e la Lega ha tutto il tempo per rifare i pacchetti. Noi abbiamo provato a prendere delle partite di serie B e C ed è andata bene, adesso vogliamo provare a prendere la serie A. Ma non possiamo partecipare con un pacchetto enorme come quello di Sky, anche Sky ha problemi ad acquistare ulteriore capacità satellitare. Vorremmo avere la possibilità di partecipare a un pacchetto più piccolo, la legge dice che ci vogliono più pacchetti e bilanciati. In questo modo ci sarebbero più offerte e più offerte vuol dire concorrenza, non caos". La palla insomma passa al giudice, e per il futuro del calcio italiano sarà il giorno della verità».

Pubblica i tuoi commenti