Canone Rai in Bolletta a partire da luglio

Da quest’anno il canone Rai non si pagherà più a inizio gennaio con un unico bollettino, come dice la Legge di Stabilità. L’abbonamento annuo è sceso a 100 euro dai 113 di prima e sarà addebitato in automatico sulla bolletta elettrica degli italiani, ma in piccole rate. Il primo esborso arriverà a luglio e comprenderà tutte le rate scadute fino a quel momento. La prima quota sarà intorno ai 70 euro ma a regime, dal 2017, le rate saranno dieci, a cadenza mensile e di importo pari a 10 euro (in genere le bollette sono bimestrali quindi le famiglie si troveranno 20 euro in più su ogni bolletta). Nel 2017,invece, pr si inizierà a versare già da gennaio.

Con l’addebito in bolletta elettrica l’introito dal nuovo canone Rai aumenterebbe di circa 420 milioni dai 1.569 del 2014, in base allo studio 'Focus sul settore televisivo tra il 2010 e il 2015' realizzato dal centro Ricerche e studi di Mediobanca. Secondo lo studio di Mediobanca con il nuovo importo di 100 euro e con l’evasione ridotta al 5%, la Rai diventerebbe il primo gruppo televisivo per ricavi in Italia, avvicinandosi alle altre aziende pubbliche televsiive europee, a cominciare da France Télévision. Al momento L’importo del canone nel nostro Paese è attualmente il più basso in Europa: nel 2014 è stato di 113,5 euro, contro i 133 in Francia, i 175,3 euro nel Regno Unito e i 215,8 euro in Germania. Ma allo steso tempo il canone Rai ha un tasso d’evasione elevato stimato attorno al 30,5% nel 2014, contro il 5% nel Regno Unito e l’1% di Francia e Germania, dove viene riscosso legandolo alla residenza. Con il pagamento in bolletta il Governo prevede di ridurre l’evasione del canone.

Pubblica i tuoi commenti