Copeam, tanti progetti per il patrimonio unico del Mediterraneo

A colloquio con Claudio Cappon, Segretario Generale della Conferenza Permanente dell'Audiovisivo Mediterraneo, per conoscere le attività di questo ente internazionale e riflettere sul valore culturale unico di questa regione

Claudio Cappon è Segretario Generale della Conferenza Permanente Audiovisivo Mediterraneo dalla primavera del 2016. Lo abbiamo incontrato a gennaio a Vinci, in occasione della premiazione di "Inter-Rives" (fra le rive), iniziativa che la Copeam promuove insieme all’Asbu (Arab States Broadcasting Union) e che quest’anno era dedicata a “Storie di viaggi e di mari”. «Si tratta di una serie di brevi documentari realizzati da televisioni pubbliche di Algeria, Croazia, Egitto, Italia, Malta, Marocco, Palestina, San Marino, Serbia-Vojvodina, Slovenia, Spagna, Svizzera, Tunisia e Turchia», dice Cappon, evidenziando come quest’edizione sia «ben riuscita, in termini di qualità dei documentari e di interesse delle storie raccontate». Nei prossimi mesi la serie sarà tradotta nelle rispettive lingue nazionali e messa in onda da quasi tutte le Tv coinvolte, raggiungendo così pubblici ampi e diversissimi. «La formula di Inter-Rives è quella cosiddetta del “paniere”, molto diffusa in ambito internazionale, per la quale ogni TV partner contribuisce alla serie realizzando un episodio e ottiene in cambio i diritti di messa in onda gratuita dell’intera serie». A Vinci è stata premiata Fedia Ben Henda, della Télévision Tunisienne, per il suo lavoro "Vapore", un docufilm di 13 minuti nel quale la regista propone un insolito sguardo incrociato sull'immigrazione tra il Sud e il Nord del Mediterraneo. I protagonisti del film sono infatti un pescatore tunisino emigrato a Mazara del Vallo, in Sicilia, e la nipote di un italiano emigrato a La Goulette, cittadina detta "piccola Sicilia", a pochi chilometri da Tunisi.

Premiazione Inter-Rives V (Vinci)

La premiazione di Inter Rives a Vinci. Da sinistra: Majid Mraihi, direttore relazioni internazionali Televisione Tunisina; Fedia Ben Henda; Claudio Cappon; Giuseppe Torchia, sindaco di Vinci.

Da Inter-Rives sono emersi però altri lavori di rilievo, riconosciuti dalla giuria, che ha voluto premiare anche "Mamadou" dello spagnolo Luis García Marín e attribuire una menzione speciale a "Un sorriso sulle loro facce", della regista turca Aylin Cetinkaya, e a "Ti amo e ti temo" di Giovanni Speranza per la tv svizzera RSI.  La Copeam lavora però anche in ambito radiofonico: «Le coproduzioni radiofoniche sono un ulteriore settore interessante e vivace; “Kantara”, per fare un esempio, è un magazine che parla di cultura, economia e società e che riunisce da oltre 15 anni numerosi canali radiofonici francofoni della regione: francesi, tunisini, marocchini, algerini, egiziani», aggiunge Cappon.

Può farci un bilancio di questo suo primo anno da Segretario e dirci quale eredità ha lasciato Pier Luigi Malesani?

Nell’ultimo anno la Conferenza ha operato in piena continuità con la sua missione storica su alcuni dei progetti chiave, specialmente nel campo della coproduzione televisiva e radiofonica, con Inter-Rives, Mediterradio, Kantara, e della formazione professionale. Nel contempo, si è lavorato per dare una maggiore stabilità finanziaria, indebolita dalla lunga crisi degli associati, acquisendo un nuovo importante associato, l’Università LUISS di Roma, rinnovando positivamente la Convenzione con la Rai e ottenendo nuovi finanziamenti dall’Unione europea attraverso progetti regionali quali Medfilm, Génération Quoi?, MedMedia. Quanto è stato fatto in quest’anno è certamente anche dovuto al patrimonio di relazioni e di contatti creato da Pier Luigi Malesani e alla grande attività e all’impegno da lui profuso nella Copeam, un progetto a cui Pier Luigi ha dedicato non solo intelligenza e competenza, ma anche una grande passione. Per omaggiare Pier Luigi, cittadino di Vinci e organizzatore già della scorsa edizione del premio Inter-Rives nella sua città natale, abbiamo intitolato a lui l'edizione 2017 di questa iniziativa.

Quali sono stati gli eventi principali che hanno visto impegnata la Copeam nell’ultimo anno?

Nel 2016, come sempre, il momento centrale è stata la Conferenza annuale di Ajaccio sul tema “Quale futuro per i giovani del Mediterraneo. Il ruolo dei media”, a cui hanno partecipato personalità importanti del mondo dei media e della cultura di vari paesi del bacino, dall’Italia - con la Presidente della Rai Monica Maggioni - al Marocco, alla Croazia e numerosi altri. Per l’occasione abbiamo organizzato con la BBC Media Action anche uno dei seminari nell’ambito di un progetto di promozione dell’uguaglianza di genere nei media pubblici della riva sud. Dal mese di aprile, inoltre, abbiamo realizzato varie iniziative sia a livello nazionale che internazionale, come lo scambio professionale promosso dalla Copeam fra i coproduttori del programma radiofonico Kantara (settimanale euro-mediterraneo di attualità) con alcuni omologhi operanti sul territorio lucano, in occasione del Festival Materadio organizzato annualmente da Rai Radio 3, o il seminario di formazione su media e sfide ambientali, svoltosi in Marocco nel novembre scorso, a margine della COP22, grazie a un partenariato con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI). Altre attività di networking e di formazione - a Marsiglia, a Roma, a Zagabria e in altri luoghi del Mediterraneo -  hanno coronato un anno molto positivo.

Quali saranno invece gli appuntamenti più importanti in calendario per il 2017?

Dopo un 2016 dinamico, il cui bilancio possiamo ritenere sicuramente positivo, per il 2017 ci stiamo preparando all’organizzazione della prossima conferenza di Beirut, dall’11 al 13 maggio, ospitata da Téléliban e dedicata al tema “Narrazione mediterranea: complessità, risposta dei media e opinione pubblica”, con l’intento di promuovere una riflessione fra tutti gli operatori presenti sul contributo che i Media possono dare per una migliore rappresentazione di questa Regione vasta e complessa.

L'intervista completa sarà sul numero di marzo di Millecanali

 

 

 

Pubblica i tuoi commenti