Corbelli: arresti domiciliari

Era in galera dal 13 marzo, quando fu arrestato per via di 27.000 serigrafie, soprattutto del pittore Michele Cascella, ritenute false dagli inquirenti.

Gli arresti domiciliari sono stati concessi nei giorni scorsi a Giorgio Corbelli, finora "re di TeleMarket" e del mondo dell'arte in generale, dal gip del Tribunale di Bari Giuseppe De Benedictis, con l'approvazione del Pm inquirente, Roberto Rossi. Le motivazioni con le quali la difesa di Corbelli, composta dagli avvocati Filiberto Palumbo e Alessandro Mainardi, aveva chiesto la scarcerazione sono state accolte in parte dagli inquirenti.

Anche Paolo Paoli, il tipografo che avrebbe stampato le serigrafie, Maria Casarin, una delle responsabili di Telemarket 2, e Arnoud Jan Booy,

uno dei collaboratori di Telemarket a Bari sono riusciti a ottenere le stesse garanzie.

Rimane comunque l'accusa per tutti gli indagati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa.

Pubblica i tuoi commenti