Domani la finale di Miss Italia su La7 e La7d

Simona Ventura conduce domani su La7 da Jesolo la finale del concorso che dopo le polemiche (che ci sono sembrate francamente eccessive) dello scorso anno, stavolta tenta la definitiva riabilitazione. E torna anche il bikini.

Ecco una serie di 'pillole' su questa ultra-tradizionale manifestazione che abbiamo ricavato dalla (fornitissima) cartella stampa.

“Miss Italia 2014 si presenta forte delle conferme di Jesolo, sede delle finali, e de La7 come rete televisiva, mentre la produzione affidata a Magnolia rappresenta la sicurezza che ogni manifestazione vorrebbe e, il nome di Simona Ventura, un grande personaggio della nostra televisione, la grinta e la freschezza, auspicate dalle stesse ragazze partecipanti.
Le novità del concorso sono state suggerite, quasi 'imposte', dalla realtà in cui viviamo. Per la prima volta hanno potuto iscriversi le 'italiane senza cittadinanza', mentre l'età massima è stata alzata a 30 anni perché le donne, a questa età, vivono per la famiglia e i figli, ma lavorano e amano ancora mettersi in gioco: sono le testimoni di una bellezza consapevole e interessante. È una svolta che sicuramente riflette non solo i cambiamenti sociali, ma le esigenze delle donne di oggi. Miss Italia è un personaggio istituzionale, madrina di tanti eventi sociali, è una figura che è stata scelta dal pubblico italiano, dopo le lunghe selezioni e i voti della giuria, quindi è la sintesi del gusto italiano. La bellezza non va intesa solo sotto l'aspetto esteriore, ma come sinonimo di sensibilità e intelligenza. Miss Italia si è fatta portavoce di queste caratteristiche, che possono aiutare molte donne ad avere più fiducia in se stesse”.

“L'apertura alle miss curvy, le 'ragazze 44', è da quattro anni il nostro fiore all'occhiello, non per la stravaganza di vedere in fila tra le miss anche taglie insolite, ma per il significato implicito che viene attribuito all'iniziativa. Come, ugualmente, siamo orgogliosi della campagna “Talking Stalking” portata avanti con Codacons. Sulle passerelle, accanto alle miss in costume da bagno, 'sfilano' e tengono banco i temi che stanno a cuore e affliggono le donne
per i quali ci siamo battuti e continueremo a farlo: l'impegno contro l'anoressia, il femminicidio, la prevenzione dei tumori al seno, la tutela della salute delle donne nel luogo di lavoro, la vaccinazione delle più giovani contro il papilloma virus”.

“Settemila ragazze italiane, ancora, di questi tempi, scrivono il loro nome e la loro storia personale su questo quadro. E 500 piazze del nostro Paese, stracolme di famiglie e di gente, fanno festa da 75 anni…”.

“Magnolia, la società televisiva italiana leader nella produzione di format di intrattenimento, entra per la prima volta nella grande famiglia di Miss Italia mettendo a disposizione la propria esperienza in campo televisivo maturata in oltre 10 anni di attività. Fondata nell'aprile del 2001 da Giorgio Gori, Ilaria Dallatana e Francesca Canetta, Magnolia è stata acquisita nel 2007 da DeAgostini ed inserita, nel dicembre 2008, tra le società che compongono Zodiak Media Group. Da febbraio 2014 ha assunto la carica di Amministratore Delegato Leonardo Pasquinelli.
Il successo delle produzioni targate Magnolia può essere inquadrato nella forza dei programmi già rodati e nelle nuove produzioni di successo, tutti accomunati dalla sperimentazione di nuovi linguaggi. Sono tanti i titoli identificativi del lavoro del gruppo, basti pensare a format storici come L'Eredità, L'Isola Dei Famosi, Piazzapulita,
MasterChef, Cuochi e Fiamme, o ai titoli più recenti che hanno conquistato in poco tempo pubblico e critica come Pechino Express, Junior MasterChef, Così Lontani Così Vicini, Bake Off Italia, Hotel 6 Stelle. Questi, ed altri format, saranno tra i protagonisti della nuova stagione Tv che, per Magnolia, si apre proprio con Miss Italia.
Miss Italia con Magnolia diventa un fashion show unico nella Tv italiana, dando lustro a un nome storico del costume nazionale innovandone meccanismo e linguaggio. Alla base del lavoro di Magnolia c'è il racconto di un'idea di bellezza in evoluzione e al passo con i tempi, attraverso uno spettacolo-evento a 360° ricco di novità, come la presenza di una giuria di super-esperti del settore, le performance musicali che diventano parte integrante delle sfilate delle ragazze e il racconto del backstage: una veste innovativa e originale per uno degli appuntamenti classici dello spettacolo italiano”.

“Miss Italia - La squadra: il programma è scritto da Paola Papa, Irene Ghergo e Peppi Nocera e da Alessandro Saitta e Sonia Soldera
Regia: Lele Biscussi. Produttore esecutivo Magnolia: Raffaella Gresele. Fotografia: Ivan Pierri. Scenografie: Marco Calzavara. Costumi: Claudia Tortora. Direzione Artistica: Daniela Bellini e Roberta Mastromichele. Direttore di Produzione Magnolia: Filippo Forcella. La giuria: Marco Belinelli, Emis Killa, Sandro Mayer, Alessandro Preziosi, Alena Seredova”.

“Domenica 14 settembre si accendono i riflettori sulla 75esima edizione di Miss Italia. Grazie all'impegno di La7, sarà possibile seguire dal Pala Arrex di Jesolo la diretta dell'evento su entrambi i canali del Network, La7 e La7d, a partire dalle 20:40. La serata finale, è stata inoltre anticipata da due appuntamenti speciali dedicati alle selezioni, in onda in seconda serata sempre su La7, l'11 e il 12 settembre”.

“Patrizia Mirigliani rinnova il programma, affidando per la prima volta a Magnolia la produzione esecutiva e a Simona Ventura la conduzione. La serata conclusiva del concorso di bellezza più celebre d'Italia si preannuncia rivoluzionaria e ricca di emozioni e grandi sorprese.
Le 24 candidate al titolo di Miss Italia 2014 sono le protagoniste assolute di una serata-evento in prime-time ricca di novità, tra conduzione, performance musicali spettacolari, racconto del backstage e giuria”.

“Le ragazze affronteranno la prima prova divise in 4 gruppi: le eccentriche, le romantiche, le sportive e le ragazze “acqua e sapone”. Il voto congiunto di giuria e televoto eliminerà due ragazze per gruppo. Nella seconda prova, le 16 Miss in gara sfilano insieme e il voto porterà all'eliminazione di 4 ragazze. Tra le 12 Miss ancora in gara, 4 saranno subito salvate grazie al televoto e le restanti 8 si sfideranno in coppia in un'ulteriore prova, mettendo in scena il proprio talento: da ogni sfida, la Giuria sceglierà chi salvare. Nella quarta prova, le 8 ragazze rimaste in gara animeranno il palco con una sfilata in abito da sposa, al termine della quale il televoto sceglierà le 4 finaliste e la Giuria la quinta ragazza aspirante al titolo. Le 5 semifinaliste si sfideranno in un'ultima prova tra interviste e sfilate; solo al termine della prova si conoscerà la nuova Miss Italia 2014”.

“Nel 75° anniversario e alla vigilia delle fasi finali dell'edizione 2014, quando i contatti si moltiplicano, Miss Italia ha rinnovato il proprio sito internet (www.missitalia.it), rendendolo sempre più corrispondente alle richieste del pubblico, dai giovanissimi, che vi trovano tutti gli strumenti di condivisione, alle miss, agli amici del concorso, alle aziende sponsor. Un punto di incontro e contenitore di informazioni a 360 gradi proiettato al mondo dei social e dei video”.

Il Concorso, creato da Dino Villani nel 1939, condotto per quasi mezzo secolo da Enzo Mirigliani, è guidato dagli inizi degli anni Duemila dalla figlia Patrizia la quale ha messo ancora al primo posto la correttezza, il rispetto delle regole, l'etica; la tutela della donna e della sua dignità; la difesa della tradizione e, di pari passo, il
suo ammodernamento, anche tecnologico.
Ed è così che Miss Italia si presenta oggi con la sua storia e la sua intatta popolarità, un concorso moderno, affiancato da aziende sponsor di prima grandezza, e con l'attenzione rivolta ai problemi sociali, come quelli della prevenzione delle malattie femminili, ma anche deciso ad opporsi a qualunque forma di violenza sulle donne.
Moderno al punto da aprire le porte a tutte le ragazze, fino a 30 anni di età, ed anche - pur avendone diritto - alle ragazze non ancora in possesso della nostra cittadinanza: è la nuova bellezza che cambia, multietnica e consapevole, e che va oltre gli stereotipi estetici per contemplare, invece, tutto ciò che il nostro Paese sa offrire”.

“Le Prefinali e le Finali nazionali di Miss Italia si svolgono nel 2014 per la seconda volta a Jesolo dopo l'esordio dell'anno precedente. Ma tra la città veneta e il Concorso di Patrizia Mirigliani c'è un legame di vecchia data: qui si sono svolte le Prefinali nazionali del 2006 (unica volta in cui sono state trasmesse in diretta tv, su Rai1) e quattro edizioni di Miss Italia nel Mondo, dal 2007 al 2010. È una collaborazione destinata a durare nel tempo”.

“Radio Kiss Kiss ha accettato con passione ed entusiasmo l'invito della Miren ad essere media partner ufficiale della 75° edizione del Concorso di bellezza più importante d'Italia. La collaborazione sarà particolare e ricca di intrecci. Radio Kiss Kiss ha anche creato un talent ad hoc, presentato da Pippo Pelo, che provinerà le aspiranti miss al fine di individuare la vincitrice del premio finale: un contratto di lavoro della durata di 3 mesi per una delle 24 finaliste.
A salire sul palco della kermesse insieme a Simona Ventura per consegnare il premio domenica 14 settembre al Palazzetto di Jesolo sarà la premiata coppia Pippo Pelo e Francesco Facchinetti.
Pippo e Francesco per quell'occasione torneranno a lavorare insieme,
dopo i fasti de “I Corrieri della Sera”, trasmettendo in diretta radiofonica e in contemporanea con il canale Tv La 7 la serata finale. A far loro compagnia ci sarà anche Giulia Arena, Miss Italia 2013, già inviata di Radio Kiss Kiss per i numerosi collegamenti radio realizzati durante tutte le tappe di avvicinamento alla finalissima”.

“Dopo due anni di assenza, nell'edizione 2014 torna il bikini in Televisione. “Per due anni l'ho eliminato in Tv, perché c'erano troppe polemiche sulla presunta mercificazione del corpo delle donne, che a mio parere non è mai avvenuta a Miss Italia, ma piuttosto in tanti altri contesti, televisivi e non - spiega la Patron - . Avevo deciso di rinunciare al bikini per tutelare e per proteggere la bellezza da tante discussioni. Oggi, invece, mi sento più forte e credo che sia giusto riproporlo. D'altra parte il bikini, da che mondo è mondo, è stato sempre la divisa di tutti i concorsi di bellezza”.

“Per la prima volta sono state ammesse a Miss Italia ragazze nate nel nostro Paese da genitori stranieri - e qui residenti da 18 anni con continuità e regolarità - le quali per vari motivi non hanno ancora ottenuto la nostra cittadinanza. Miss Italia prende così atto che sono stati superati i canoni classici della bellezza italiana per entrare in un mondo in cui la multietnia fa parte della quotidianità”.

Pubblica i tuoi commenti