Eisner in declinoO Alla Disney arriva Mitchell

La battaglia per il controllo della Disney sembrerebbe sulla via della soluzione e le notizie per il contestato Michael Eisner non appaiono più molto “confortanti”.

La battaglia per il controllo della Disney sembrerebbe sulla via della soluzione e le notizie per il contestato Michael Eisner non appaiono più molto "confortanti".

Dopo che anche Billy Crystal e Robin Williams - durante la notte degli Oscar - non avevano risparmiato battute sullo stato di salute della Disney ("Se perdete anche la Miramax tutto quello che vi resta sono i Muppet e gli scivoli dei luna park" - aveva scherzato Williams), questa notte sono arrivate le prime notizie sui nuovi assetti del gruppo fondato da Zio Walt.

Il cda della Disney ha diviso i ruoli nominando George Mitchell presidente e confermando Michael Eisner amministratore delegato. Prima, Eisner cumulava le due cariche. L'assemblea degli azionisti della Walt Disney, convocata a Filadelfia, ha quindi manifestato in modo netto il proprio dissenso all'amministratore delegato della società Michael Eisner.

Il 43% degli azionisti ha votato contro la sua permanenza alla guida della società. Il voto espresso dagli azionisti supera la previsione del 40% fatta da Stanley Gold, ex consigliere di amministrazione dell'azienda, dimissionario lo scorso dicembre insieme al nipote del fondatore della società di Topolino, Roy Disney. La disaffezione mostrata nei confronti di Eisner non significa una sua immediata uscita dal vertice della società. Tuttavia, in serata (la notte in Italia), il consiglio di amministrazione della Disney dovrebbe riunirsi per valutare l'esito dell'assemblea. Nei giorni scorsi, diverse indiscrezioni di stampa avevano già evidenziato la possibilità che Eisner mantenesse solo la carica di amministratore delegato, cedendo quella di presidente.

Pubblica i tuoi commenti