Fiction: la Rai rassicura l’APT

Migliora l’atmosfera fra i produttori televisivi di fiction, molto preoccupati per il loro avvenire.

Ad allarmare i produttori erano stati soprattutto i contemporanei abbandoni di Maurizio Costanzo (con la scomparsa di Mediatrade come struttura autonoma di Mediaset) e di Stefano Munafò alla Rai, con voci di accorpamento di Rai Fiction con Rai Cinema (al posto di Munafò andrebbe comunque Alessio Gorla).

A rassicurare l'associazione dei produttori, l'Apt, e il suo presidente Sergio Silva è stato lo stesso direttore generale della Rai Agostino Saccà, che ha garantito che la Tv pubblica continuerà a investire nel settore, ai livelli preventivati e finora mantenuti (170 milioni di Euro circa, dati del 2000).

Silva, da parte sua, un po' sollevato dopo le voci di un'imminente grave crisi, anche occupazionale, per il settore, ha ribadito l'esigenza per i produttori di "sentirsi attori dello scenario audiovisivo e non soltanto appaltatori di progetti che nella maggior parte dei casi abbiamo noi stessi ideato e prodotto: scontiamo scarsa programmazione, irregolarità negli andamenti delle commesse, cancellazione di progetti in fase avanzata".

Pubblica i tuoi commenti