Flight 616 al decollo giovedì sera su Italia 1

Lo definiscono il primo adventure dating show della televisione italiana. Si chiama Flight 616 ed è il nuovo programma firmato Magnolia con il quale Italia 1 vuole tenere incollato allo schermo il suo pubblico del giovedì sera. Alla conduzione, Paola Barale

Decollerà giovedì 12 maggio in prima serata su Italia 1 “Flight 616”, l'adventure dating show prodotto da Magnolia che racconterà il viaggio intorno al mondo di 16 concorrenti (8 uomini e altrettante donne single tra i 21 e i 29 anni). A condurre sarà Paola Barale, la cui ultima avventura in Tv è stata da concorrente di Pechino Express, lo scorso autunno. "Probabilmente la mia passione per i viaggi ha influito sulla scelta di affidare a me la conduzione del programma", ha detto la conduttrice in occasione della conferenza stampa di presentazione nientemeno che al ristorante Michelangelo presso l'aeroporto milanese di Linate. "Certo è che non ci ho pensato due volte ad accettare il ruolo ed è stata un'esperienza fantastica".

I concorrenti di Flight 616 non si conoscono tra loro; nel corso della prima puntata si formeranno le coppie che potranno però “scoppiare” nel corso del programma, dando origine a una catena di intrecci amorosi: gelosie, tradimenti, passioni. Dopo il primo check-in in Italia prenderà il via una vera e propria gara a tappe con i “passeggeri” che voleranno di continente in continente visitando luoghi esotici e sfidandosi per aggiudicarsi i biglietti aerei per le misteriose mete successive. La coppia che si aggiudicherà la vittoria finale conquisterà un biglietto aereo per continuare il giro del mondo con il partner conquistato.

IMG_9894

Molti sono gli elementi già visti nei reality game degli ultimi anni: le sfide, che qui vanno affrontate per aggiudicarsi un posto a bordo del volo; le guest house da sogno e le sistemazioni più spartane per i perdenti (i cosiddetti 'loser camp'); gli scenari naturali mozzafiato e gli skyline delle metropoli. "Il format originale del programma è della israeliana Armoza", precisa Leopoldo Gasparotto di Magnolia. "Noi lo abbiamo personalizzato molto, arricchendolo con l'idea delle coppie e aggiungendo molte sfide". Gasparotto dà anche qualche dettaglio sulla produzione: "Abbiamo girato tra gennaio e febbraio per un mese e mezzo circa con un team di 80 persone diviso in due troupe, una per le destinazioni pari e una per quelle dispari, utilizzando come mezzi di ripresa anche dei droni e delle GoPro e realizzando il tutto in HD".  La post-produzione è stata poi realizzata a Milano.

Laura Casarotto, direttore di Italia 1, punta quindi sul programma per proporre un'altra idea accattivante al pubblico del giovedì sera, quello che fino alla scorsa settimana seguiva Le iene. E quando le chiediamo che cosa significa oggi fare una Tv 'giovane', ci dice: "Non si tratta tanto di targetizzare il pubblico per fasce di età ('giovani' oggi ci si sente a venti come a cinquant'anni, del resto...) ma di trovare il linguaggio giusto per soddisfare il gusto di un determinato pubblico". Il linguaggio giusto, infine, non può non contemplare anche tutto il contorno social: oltre al sito ufficiale sono già in attesa di post e tweet la pagina Facebook e i profili Instagram e Twitter. L'hashtag ufficiale del programma è #Flight616.

 

 

Pubblica i tuoi commenti