Hanno preso il via IBTS e Mifed

I due appuntamenti a carattere fieristico in corso in contemporanea a Milano sembrano quest’anno un po’ “sottotono”, per ragioni diverse. Anche la progettata “sintonia” fra le due manifestazioni non ha avuto sviluppi di rilievo.

L'IBTS che si è aperto ieri alla Fiera di Milano (ingresso da porta Sei Febbraio) e che proseguirà fino a sabato pomeriggio, offre, come è noto, novità e anteprime nei settori più avanzati delle tecnologie per la comunicazione audio/video e nei campi del digitale, del Broadcasting, delle Telecomunicazioni, del Multimedia, della Computer Grafica, del Digitale Terrestre, del Cinema Digitale, di Radio & Tv, ICT e Satellite.

Il visitatore ha dunque l'occasione di percorrere l'intera filiera produttiva rappresentata da tecnologie, strumenti, contenuti, sistemi e servizi avanzati oggi disponibili per tutte le differenti forme di comunicazione uni-multimediale applicate all'audio e video.

C'è poi un ricco "palinsesto" di workshop, seminari, convegni di grande interesse, che anche quest'anno Maria Grazia Mattei ha saputo allestire al meglio: oltre al consueto seminario SMPTE, si parla, per esempio, di temi attualissimi come il digitale terrestre, il DAB, il cinema digitale, le applicazioni interattive DTT.

Se i convegni appaiono 'la punta di diamante' di IBTS, la manifestazione appare tuttavia piccola rispetto alle precedenti edizioni e un po' sottotono, anche perchè il tentativo di imporle una cadenza annuale non ha trovato il consenso di diversi espositori degli anni passati. Dallo scorso anno, poi, a IBTS manca un altro elemento di buon richiamo, il Premio Immagine.

Si chiude sabato 16 (e non domenica, come gli altri anni) e in più - altra novità - alle ore 16 e non alle 18.

Doveva poi esserci una 'sintonia' di IBTS con il Mifed, che è ugualmente in corso alla Fiera di Milano (ingresso Porta Spinola) fino al 15 ottobre, ma la cosa è legata più che altro alle navette che collegano le due manifestazioni, rimaste di fatto separate. Anche il Mifed (manifestazione di cinema e Tv sul versante dei prodotti e dei contenuti) ha i suoi problemi: mancano gli americani, che hanno privilegiato una loro manifestazione (l'American Film Market), e la competizione si è fatta dura, con cali di presenze e di espositori. Il tutto era anche previsto, ma le difficoltà ci sono davvero lo stesso.

L'idea per il 2005 è così quella di cambiare tutto: per l'IBTS si vedrà ma per il Mifed si pensa di legare definitivamente la manifestazione alla Mostra del Cinema di Venezia, facendola svolgere dunque tra fine agosto e inizio settembre.

Pubblica i tuoi commenti