I vent’anni del Gruppo Radio Amore Catania

Si celebrano domani, con una semplice festa preceduta da un incontro sui temi della Radio locale, i vent’anni del Gruppo Radio Amore Catania. Ecco un ricordo di questo ‘glorioso’ periodo in Fm delle emittenti di Carlo Scuderi.

Era il 1988 quando un dottore catanese, appassionato di musica e che si era pagato gli studi facendo pianobar, divenne presidente di una società cooperativa che gestiva una piccola emittente locale etnea, Radio Centro Suono. Carlo Scuderi, questo il nome del medico radiologo che iniziava a occuparsi anche di radiofonia (con simpatico gioco di parole dovuto alle due professioni), ebbe subito le idee chiare e nel giro di un paio di anni fece crescere la piccola emittente, allargando notevolmente il bacino e organizzando un gruppo di conduttori affiatato: la radio, che nel frattempo aveva assunto la denominazione di Radio Studio 99, divenne una delle più seguite (fra quelle speakerate) del territorio.

Ma le idee del vulcanico (vista la vicinanza con l'Etna) Scuderi erano tutt'altro che completate. Infatti, abile a leggere la rapida evoluzione del mercato editoriale radiofonico del tempo, decise di investire le proprie risorse per partecipare a un progetto di franchising legato a un nascente network. Quindi dalla seconda metà degli anni '90 l'azienda di Carlo Scuderi crebbe notevolmente, negli ascolti come negli introiti pubblicitari, nel bacino (con l'acquisizione di frequenze) come nel personale. Così si arriva alle soglie del 2000, con condizioni particolari per la radiofonia locale, con numerose emittenti schiacciate dalle offerte economiche dei giganti nazionali e una sempre crescente richiesta di qualità.

Scuderi, vero amante della Radio che non vuole perdere la pOEsia ma anche imprenditore fortunato in grado di precedere le tendenze, decide di innovare ulteriormente e, mettendo da parte i rapporti precedenti, con alcuni soci d'esperienza partecipa a un consorzio di radio locali: Radio Amore, presente in Sicilia, Calabria e Campania. Con il presidente Antonio Romano, il vice Antonio Cortorillo e Francesco Cristoforo, Radio Amore si è subito imposta come emittente multi territoriale dagli ascolti alti e stabili. Questo gli ha permesso di accedere a una fetta della pubblicità nazionale grazie a un lavoro progettuale basato sulla qualità del segnale, la cura del palinsesto musicale e dell'informazione (che si è avvalsa da subito del supporto di Area). A Radio Amore si affianca la speciale Radio Graffiti, attualmente presente in parte della Sicilia e della Campania, che non molti anni fa fu premiata proprio da noi di Millecanali come migliore emittente locale (grazie alle rarità musicali che arricchiscono il palinsesto).

Nel territorio siciliano Carlo Scuderi gestisce anche altre due emittenti, Radio Amore Italia, che è una seconda rete di rafforzamento di Radio Amore (attualmente presente anche a Palermo grazie a Giovanni Tiziano e a Siracusa grazie ad Angelo Minniti), e Radio Onda Blu (caratteristica emittente locale con programmi in diretta per un pubblico sia colto che popolare). Altra grande soddisfazione del radiologo-radiofonico è Radio Zammù, che è la radio ufficiale dell'Università degli Studi di Catania: l'ateneo ha scelto come partner la sana e professionale azienda di Scuderi, tra decine di possibilità, per accedere alle trasmissioni su Fm con il progetto Zammù (che nacque come laboratorio di webradio con Gianluca Reale ed è diventata una delle più importanti emittenti universitarie d'Italia con le intuizioni del presidente del Centro Orientamento e Formazione Prof. Perciavalle).

Oggi, anche se ha compiuto vent'anni di attività, il dottor Scuderi appare come un entusiasta radiofonico che inizia le trasmissioni. È orgoglioso di presentare il proprio gruppo di lavoro, affiancato dalla moglie Eugenia Basilotta (prof.ssa di Lingue convertitasi alla direzione aziendale), con il M° Carmelo Caruso (Maestro e Direttore di una nota banda musicale) nell'ufficio contabile e Walter Consoli immerso nella programmazione pubblicitaria, con il neolaureato figlio Giacomo a dirigere l'informazione e la figlia Alessandra impegnata a curare la parte artistica, con il gruppo dei venditori freneticamente al lavoro e responsabili tecnici di alto livello (Gregorio Orlando), senza dimenticare i fornitori di sempre (l'Ematic di Salvo Nasca e la AD&T con il direttore Lucio Gerelli). È soddisfatto di mostrare i propri studi, costruiti sul principio della semplicità ed efficacia, si esalta a mostrare la eccellente automazione dei servizi e gli Orban (li ha tutti... 8100, 8200, 8300 e 8500... un aggiornamento continuo) che caratterizzano il caldo suono delle sue Radio.

Un nuovo pur se semplice sito web (www.grupporadioamore.it) e la possibilità di ascoltare le Radio anche da internet sono appena le ultime iniziative di Carlo Scuderi: un cinquantenne con la grinta dei vent'anni in un'azienda ventennale che si inaugura ogni giorno con nuove idee.

Pubblica i tuoi commenti