IBC 2012 – DGQoS

Dai nostri inviati all'IBC 2012 –

Dai nostri inviati a Ibc 2012 intervista Ibc 2012, intervista a Paolo Marantonio – Sales Office – DGQoS

Nel nostro Paese, completata la fase degli switch off analogici regionali, sono rimasti sul territorio... i vari impianti in Digitale Terrestre che, essendo stati realizzati tutti in tecnica SFN, possono andare soggetti - per esempio - a problemi di non precisa sincronizzazione, generando pertanto nell'ambito dell'utenza finale inconvenienti anche molto incresciosi. Ecco perché la società DGQoS (ultima nata, dopo ONEtastic, del Gruppo che fa capo al team formato da Telsat, Elber e M-Three Satcom) ha pensato di rendere disponibile innanzitutto per i broadcaster, oltre che per fornitori di contenuti e inserzionisti pubblicitari, un servizio nazionale - declinabile, però, anche a livello di aree locali - capace di monitorare ad hoc l'effettiva qualità tecnica di ricezione DTT in arrivo appunto presso i fruitori finali.
Il monitoraggio avviene collegando un semplice ma efficiente DGQoS tester alle rispettive antenne Tv degli “utenti-cavia” residenziali, tester a sua volta facilmente interfacciabile ai server di rilevamento, tramite rete V-LAN o modem interno GSM/GPRS.
DGQoS prevede di creare, entro fine 2012, un proprio circuito di monitoraggio, utilizzabile in particolare proprio da broadcaster e servito da 200 meter disseminati per il territorio della Penisola. I medesimi broadcaster, però, potranno allestire in proprio un network di rilevamento “custom”, dal momento che DGQoS intende altresì commercializzare terminali “stand alone”, fornendo inoltre l'intero supporto per ciò che riguarda la personalizzazione dei software e la messa a punto dei data-base necessari a creare un servizio efficiente.
Paolo Marantonio (dell'Ufficio Vendite DGQoS), da noi incontrato presso lo spazio espositivo dell'azienda italiana, ci ha detto che questa ha iniziato a proporre la propria nuova soluzione anche ai responsabili di grandi emittenti televisive europee, interessati a “scandagliare” l'effettiva Quality of Service delle loro reti DTT.

Pubblica i tuoi commenti