Il canone Rai sale a 104 euro

La decisione era nell’aria. Dopo una prolungata fase in cui l’importo del canone era rimasto fermo, Gentiloni si assume l’onere dell’impopolare decisione per un normale “allineamento al tasso d’inflazione”. In realtà alla Rai servono effettivamente nuove risorse.

Dal sito www.repubblica.it:

«Il canone Rai aumenterà da 99,60 a 104 euro. Lo ha deciso il Ministro delle comunicazioni Paolo Gentiloni con un decreto che entrerà in vigore dal prossimo anno. "Il canone, che per tre anni è rimasto fermo a euro 99,60, viene in questo modo allineato al tasso di inflazione maturato, così come previsto dall'art. 47 del testo unico sulla televisione" - afferma il ministero.

"E' una conferma - dice Gentiloni - delle risorse a disposizione della Rai, con un recupero doveroso dell'inflazione. Mi attendo che le risorse del canone vengano investite per assicurare al servizio pubblico quelle caratteristiche di pluralismo e qualità definite anche dal recente contratto di servizio tra Rai e Ministero delle Comunicazioni".

"Il cittadino che paga il canone - conclude il ministro - ha il diritto di essere esigente nei confronti del servizio pubblico"».

Pubblica i tuoi commenti