Il falso del rene

L’olandese Bnn ha mandato in onda “De grote donor”, il presunto reality con in palio un trapianto di rene, per annunciare nel momento topico del programma: era una provocazione per sensibilizzare l’opinione pubblica. Ci siamo cascati tutti, l’unico a sollevare dubbi era stato Michele Serra.

Una bufala. Anzi una mezza bufala in cui siamo cascati tutti. Perché il reality "De grote donor", in cui una malata terminale di tumore doveva scegliere a chi donare il proprio rene, è andato in onda sulla Tv privata olandese Bnn in prima serata, ma non è durato neanche un'ora, per rivelarsi per quello che era: una provocazione.

I tre aspiranti trapiantati erano veramente persone in attesa di un trapianto, mentre la finta malata terminale era un'attrice. È stato Pau Romer in persona, ideatore con John De Mol del reality e amministratore delegato di Endemol Olanda, a spiegare come erano andate le cose:

"Stavolta l'idea mi è venuta leggendo la pubblicità di un tale che con un annuncio su un giornale offriva un rene.Ne abbiamo parlato tra noi, ci siamo interrogati sulla donazione di organi, abbiamo concluso che dovevamo fare un programma. Bart de Graaf, il fondatore di Bnn, la Tv olandese che ha trasmesso "De grote donor", è morto esattamente cinque anni fa dopo aver invano atteso un donatore per sette anni".

Romer ha spiegato anche com'è stata realizzata l'idea e com'è è stato mantenuto il segreto. "Per nove mesi a sapere la verità siamo stati in cinque. Venerdì, il giorno della messa in onda, non più di quindici. I candidati erano pazienti reali. Siamo andati a cercarli presso le associazioni di donatori, dicendo che dovevamo realizzare un documentario e ci servivano i loro iscritti più capaci. Ci hanno proposto tre malati in attesa di un rene, ci sono piaciuti subito. Ovviamente sin dall'inizio abbiamo detto loro di cosa si trattava e sono stati d'accordo: idea brillante. Gli abbiamo posto la condizione di non parlare neppure coi parenti più stretti e così è stato".

Per il malato terminale invece non era stata trovata la persona giusta, allora Endemol si è rivolta ad un'attrice poco nota.

Poi la messa in onda e sul più bello il conduttore Patrick Lodiers ha svelato la verità. "Qui non diamo via alcun rene, sarebbe troppo anche per noi" - ha detto Lodiers nel momento cruciale della diretta. Alla fine la provocazione è riuscita, il record di ascolti anche: 22,5% di share, quando l'obiettivo che si era posta la rete era del 15%.

Sì, ma era proprio il casoOOO

Pubblica i tuoi commenti