Il trionfo della fiction

C’è che ritiene che i reality non piacciano più al pubblico; il genere che tiene gli spettatori incollati al piccolo schermo resta invece la fiction, alla quale si riconosce anche un ruolo educativo e sociale.

Qualche giorno fa al convegno "La fiction per il sociale e il sociale per la fiction" gli invitati Agostino Saccà, Fedele Confalonieri, Maurizio Gasparri e Marcello Veneziani si sono lasciati andare ad appassionati ragionamenti sul ruolo sociale della Fiction (anche se in realtà Confalonieri ha evidenziato più il valore economico di questo genere che non la sua valenza "educativa").

Sarebbe interessante approfondire, per esempio, che cosa intende esattamente Saccà quando dice che "la televisione è il luogo al quale la società ha delegato la funzione del racconto" (affermazione da brivido per chi crede ancora nei libri) ma il punto della situazione è un altro, più vicino alla concretezza di Confalonieri.

La fiction avrà anche il suo ruolo "educativo" ma rende in termini di ascolti e di conseguenza di investimenti pubblicitari. E le reti Rai e Mediaset lo sanno. Basta scorrere i palinsesti e i dati di ascolto di queste settimane per rendersene conto. Mercoledì sera "Ris - delitti imperfetti" su Canale 5 ha vinto nettamente la serata, nonostante la presenza insolita del campionato di calcio (e quindi di "Quelli che... il calcio" su RaiDue). Ieri sera su RaiUno è poi iniziato "Orgoglio 2", che nella prima edizione ha tenuto incollati al video migliaia di spettatori, mentre già i produttori stanno pensando a "Orgoglio 3".

Sempre l'ammiraglia RaiUno ha recentemente annunciato di stare cercando a tutti i costi un accordo con Lino Banfi per la realizzazione di "Un medico in famiglia 5", dopo che lo stesso Banfi aveva manifestato l'intenzione di passare a Mediaset.

E infine, tema caro soprattutto a Gasparri, domenica e lunedì prossimo su RaiUno andrà in onda la fiction sulle foibe "Il cuore nel pozzo" di Alberto Negrin, opera tanto discussa e fonte di polemiche ma soprattutto strumentalizzata da parte dei politici di Centro-Destra, che hanno cercato in ogni modo di 'mettere il cappello' sull'operazione.

Pubblica i tuoi commenti