Millecanali

In pieno svolgimento il MIA – Mercato Internazionale dell’Audiovisivo

MIA Mercato Internazionale dell’Audiovisivo è tornata con la sua terza edizione a Roma dal 19 al 23 ottobre, nel “distretto Barberini”.

Primo mercato italiano per numero di presenze internazionali, MIA è la piattaforma di business rivolta ai produttori e ai distributori di contenuti transnazionali di alto valore industriale ed è anche un’occasione unica per presentare il “Sistema Italia” sulla scena internazionale.

Dedicato a tutti i settori dell’audiovisivo (Cinema, Tv, Doc), MIA prevede quattro linee di attività. Eccole:

– Networking: una serie di strumenti costruiti per facilitare l’incontro tra i più di 1.400 operatori accreditati;

– Content showcase: 114 film presentati durante gli screening di mercato dedicati ai buyer internazionali e 4 appuntamenti speciali con i titoli italiani della prossima stagione di cinema e Televisione;

– Coproduction Market & Pitching Forum: 45 progetti da 21 Paesi proposti a oltre 500 potenziali partner di co-produzione;

– Talks: un fitto programma con oltre 40 tra panel, masterclass e dibattiti.

 

La capacità di ‘matchmaking’, ovvero di costruire una rete efficiente di rapporti industriali internazionali è il tratto distintivo di questo evento di mercato, informale e d’eccellenza al tempo stesso. Matching Excellence è, quindi, il nuovo claim dell’edizione 2017, che sottolinea come l’Italia sia portatrice di innovazione e creatività in campo internazionale e MIA sia l’acceleratore di business per l’eccellenza italiana nei rapporti con l’estero.

Come ricordato da Carlo Calenda, Ministro dello Sviluppo Economico: “il MIA, ora alla sua terza edizione, rappresenta un’occasione d’oro per il mercato audiovisivo nazionale ed internazionale, promuovendo incontri tra produttori e distributori sui contenuti e incoraggiando la condivisione del progresso tecnologico. Questa manifestazione promuove le nostre produzioni nazionali e i processi di internazionalizzazione, facilitando la crescita del settore e la diffusione delle risorse italiane in tutto il mondo”.

Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle attività culturali e del Turismo, riconosce come “l’introduzione della nuova legge cinema, il rilancio dell’Istituto Luce-Cinecittà, il ritorno in Italia delle grandi produzioni internazionali, la crescente affermazione della nostra cinematografia nel mondo, sono i cardini intorno ai quali ruota una nuova, importante stagione per l’audiovisivo italiano. E i numeri di questa edizione del Mia confermano che Roma, capitale della produzione audiovisiva nazionale, è ormai da tutti riconosciuta come un importante mercato internazionale dell’audiovisivo”.

“Il mercato internazionale di Roma si allinea perfettamente alla nostra visione strategica – aggiunge Michele Scannavini, Presidente di ICE (Italian Trade Agency) – . È il primo del suo genere in Italia ed è un segnale più concreto della svolta intrapresa negli ultimi anni per valorizzare l’industria audiovisiva italiana; ha permesso di presentare all’estero il Sistema Italiano e la sua governance sempre più ben definita, anche grazie alla collaborazione tra le istituzioni pubbliche interessate e le associazioni di imprese del settore”.

Nicola Zingaretti, Presidente Regione Lazio riconosce inoltre come “il MIA sia diventato l’evento principale dell’industria cinematografica italiana e la sua influenza stia continuando a crescere e ad emergere sulla scena internazionale. Di conseguenza, la Regione Lazio, con la collaborazione della Roma Lazio Film Commission, ha deciso di presentare la nuova edizione della call to action ‘Lazio Cinema International’ a Roma”.

Francesco Rutelli, Presidente di ANICA, descrive il MIA come “un perfetto gioco di squadra, dove sia il settore privato che le istituzioni lavorano affiancate per la crescita del settore Cinema e Audiovisivo, con l’obiettivo di migliorare la nostra opportunità di successo sul mercato internazionale. MIA nasce in un momento di grande fermento per il cinema italiano: una rinnovata capacità di raccontare storie e produrle e una legge molto importante come quella stilata dal Ministro Franceschini, che supporta la produzione di film, serie e documentari”.

Osserva Giancarlo Leone, Presidente di APT: “Negli ultimi anni, l’industria dell’audiovisivo sta vivendo un ‘rinascimento’, grazie alla capacità dei produttori indipendenti di fronteggiare le nuove sfide poste sia a livello nazionale che internazionale. Questa rinascita è anche il risultato delle nuove politiche che hanno ulteriormente favorito la crescita di case di produzione indipendenti, che investono in contenuti innovativi e internazionalizzazione. MIA è stato concepito seguendo queste linee guida e oggi, giunto alla sua terza edizione, è più che mai impegnato a supportare le aziende italiane nelle loro sfide su scala globale”.

Lucia Milazzotto, direttore del MIA, conclude “MIA è uscito dalla fase di start-up e si presenta come un mercato originale e molto strutturato a disposizione dell’industria nazionale e internazionale. La nostra formula contemporanea e flessibile si è perfezionata nel corso di questi tre anni e oggi finalmente possiamo affermare che gli operatori di cinema, televisione e documentario lo considerano un appuntamento importante. La leva sinergica tra i segmenti dell’audiovisivo è un tratto distintivo di questo evento, che rende MIA un luogo unico per incontrare, scoprire, immaginare e investire sui film, serie televisive e documentari di domani. Un mercato di alto profilo per i leader che producono e distribuiscono contenuti di alta qualità”.

 

Tra i temi affrontati nella parte ‘Talks’, quello della globalizzazione del mercato televisivo internazionale: un argomento analizzato dalla duplice prospettiva, statunitense ed europea. Altri panel trattano questioni come il remake cinematografico, la pirateria e i suoi effetti sul cinema indipendente, le tecniche di valorizzazione dei cataloghi di film classici, le donne di potere nell’industria dell’entertainment, lo storytelling nel gaming e nell’audiovisivo, l’animazione europea, la realtà virtuale nei film e nella Tv.

 

Riconoscendo a MIA un importante ruolo nel sostegno alle co-produzioni e alle relazioni di business intorno ai grandi progetti internazionali, il Fondo Eurimages del Consiglio D’Europa conferma l’Eurimages Co-Production Development Award, il premio al progetto più in linea con i principi di collaborazione e coproduzione che ispirano Eurimages, per un totale di 20.000 euro in denaro.

L’Apulia Film Commission assegna il MIA Tv Best Drama Series Award, con un contributo in denaro di 20.000 euro al miglior progetto presentato al mercato di coproduzione televisivo.

EDI Effetti Digitali Italiani ha scelto MIA per inaugurare il MIA EDI Visionary Award, un premio dedicato a quei progetti di cinema, serie Tv e documentario che si contraddistinguono per capacità innovativa nella narrazione attraverso un utilizzo eccellente degli effetti visivi.

MIA 2017 inoltre è orgogliosa di ospitare due dei più prestigiosi premi italiani a supporto della scrittura cinematografica e televisiva: il Premio Bixio e il Premio Solinas.

Infine, per il primo anno, MIA organizza gli Italian Tv Upfront, un evento in cui sono presentate serie televisive italiane in lavorazione, con l’obiettivo di mostrare l’eccellenza e la competitività della produzione italiana e favorirne l’esportazione. Tra le società di produzione che presentano la loro lineup ci sono Cattleya, Casanova Multimedia, Cross Productions, Endemol Shine Italy, Lux Vide, Magnolia, Palomar, Publispei, Taodue Film, Vela Film.