Clima e sviluppo sostenibile, la formazione Copeam per le emittenti pubbliche del Mediterraneo

“Informare e sensibilizzare alle sfide climatiche e allo sviluppo sostenibile”  è stato il tema del secondo seminario Copeam-Bei destinato alle radio e Tv pubbliche del Mediterraneo

Si è tenuto a Marrakech, nell’ambito della COP22, il secondo seminario di formazione organizzato dalla Copeam (Conferenza Permanente dell’Audiovisivo Mediterraneo) in collaborazione con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e la Commissione europea, destinato alle radio e tv pubbliche dei paesi del Mediterraneo, sul tema “Informare e sensibilizzare alle sfide climatiche e allo sviluppo sostenibile”.

I lavori si sono aperti a Ouarzazate, sede del maggiore centro di produzione di energia solare al mondo, dove giornalisti provenienti da Albania, Egitto, Romania, Tunisia e Turchia, oltre che dalle due emittenti pubbliche marocchine SNRT e 2M, hanno approfondito, insieme a esperti del settore, i temi inerenti la 22ª edizione della conferenza mondiale sul clima. In particolare, la formazione è volta a fornire gli strumenti necessari per un’informazione accessibile al grande pubblico riguardo alle decisioni, ai processi e alle politiche condivise dagli Stati partecipanti in materia di cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile, per la salvaguardia del pianeta.

I contenuti del seminario sono stati arricchiti da un focus sull’azione e sull’impegno della BEI e dell’Unione europea in questo ambito, e da una visita al complesso solare Noor, un’eccellenza nel campo delle energie rinnovabili a livello mondiale. Il Segretario Generale della Copeam, Claudio Cappon, ha dichiarato: “Questo workshop contribuirà ad accrescere, presso i giornalisti delle due sponde del Mediterraneo, la consapevolezza comune della sfida costituita dal cambiamento climatico e la conoscenza delle più moderne iniziative nel campo delle energie rinnovabili”.

 

 

Pubblica i tuoi commenti