La Formula 1 sarà di Sky

Dalla prossima stagione la Formula Uno sarà appannaggio di Sky, che lascerà probabilmente la possibilità della trasmissione in chiaro per 9 Gran premi. Intanto la Rai, la più colpita dalla novità, si accorda solo per una parte dei diritti calcistici in chiaro.

Colpo grosso di Sky sul fronte dei diritti Tv legati a eventi motoristici: l'emittente satellitare ha acquisito a partire dal 2013, grazie a un accordo con Formula One Management (FOM), la Formula 1, che si va ad aggiungere alla Motogp.

«Abbiamo già lavorato con Sky Italia in passato - ha detto Bernie Ecclestone, amministratore delegato di Formula One Group - e non ho dubbi circa i suoi standard di produzione. In Inghilterra abbiamo un accordo simile che sta funzionando molto bene, aumentando la qualità e l'ampiezza della copertura e assicurando, allo stesso tempo, la visione degli eventi in chiaro».

L'accordo riguarda tutte le modalità di offerta e non solo la pay-tv, ma anche internet, mobile e Sky Go.
L'intesa prevede che Sky Italia, a partire da marzo 2013, trasmetta tutti gli eventi del Campionato del Mondo FIA di Formula 1 e in aggiunta che un canale televisivo nazionale in chiaro trasmetta 9 Gran Premi in diretta e 11 Gran Premi in differita (ipotizzando che il calendario sia composto da 20 gare). Il canale televisivo nazionale in chiaro sarà concordato tra FOM e Sky, mentre nel pacchetto di gare trasmesse in chiaro sarà sempre inserito il Gran Premio d'Italia di Monza.

Andrea Zappia, Amministratore Delegato di Sky Italia ha dichiarato a sua volta: «Siamo orgogliosi di poter tornare ad offrire ai nostri abbonati anche lo spettacolo della Formula 1, con ben 11 Gran Premi trasmessi in diretta esclusiva. Grazie a questo accordo con FOM, infatti, Sky continua ad ampliare la già ricchissima offerta di Sport, appena impreziosita anche dall'acquisizione del MotoGP. Questi investimenti testimoniano la volontà dell'azienda di confermarsi leader nel settore televisivo italiano».

La Rai - che sta per presentare i palinsesti al mondo pubblicitario (l'accordo alla fine è arrivato ma senza entusiasmi e con la casella del giovedì su RaiDue ancora vuota), intanto, ha raggiunto un primo accordo per il calcio in chiaro, che per adesso però 'non salva' (dal punto di vista sportivo) 'Quelli che.. il calcio'. Ecco come ha illustrato l'intesa il sito della 'Gazzetta dello sport':

«La Rai si è aggiudicata i diritti in chiaro del campionato di Serie A per il triennio 2012-15. Salvate le trasmissioni storiche 'Novantesimo Minuto' e 'La domenica Sportiva', oltre a 'Stadio Sprint'. L'assemblea di Lega ha rifiutato, perché ritenuta troppo bassa, l'offerta di Sky per il canale free Cielo, candidato a trasmettere per primo i gol delle partite della domenica pomeriggio.

Dopo che la prima asta era andata deserta, la Lega aveva deciso di spacchettare i diritti in chiaro. Mossa che ha consentito alla Rai, alle prese con forti tagli al budget, di risparmiare diversi milioni rispetto ai 24 pagati per questa stagione, rinunciando ai diritti del pre-gara e, quindi, alla trasmissione della domenica pomeriggio 'Quelli che il calcio'…

La Lega ha anche varato il nuovo bando della Coppa Italia per il 2012-15… e si aspetta un sensibile incremento delle entrate».

Infine, la Rai si è aggiudicata anche i diritti radiofonici.

Pubblica i tuoi commenti