La nostra totale solidarietà a Tele Jato

Da quando ha iniziato la sua attività di Tv d’informazione contro la mafia Giuseppe Maniaci ha subito due attentati e varie intimidazioni mafiose, sfociate pochi giorni fa in una barbara aggressione.

L'altra sera sul sito di 'Repubblica' era possibile vedere una sequenza di 1 minuto e 14 secondi del Tg di Tele Jato, emittente comunitaria di Partinico, condotto dal direttore Giuseppe "Pino" Maniaci. Quello di Maniaci non è un nome sconosciuto a chi opera nel settore televisivo e nemmeno ai nostri lettori on line.

In quel minuto e passa, Maniaci, con il volto segnato, ha denunciato l'aggressione subita poco prima. Un'aggressione intimidatoria, mafiosa, contro l'operato di una piccola emittente che da anni denuncia gli abusi e gli atti di mafia della zona in cui si trova. Maniaci è andato in onda proprio poche ore dopo l'aggressione subita. Ha voluto mandare un segnale forte a chi, più di una volta, in diverse circostanze e in molti modi ha cercato di tappare la bocca a Tele Jato.

Pino Maniaci è stato picchiato lunedì sera (29 gennaio) da un gruppo di giovani, tra cui, a quanto sembra, Vito Vitale, il figlio di un boss mafioso, che in modo barbaro hanno fatto sapere a Maniaci di non aver apprezzato un servizio televisivo mandato in onda poco prima sull'abbattimento di alcune stalle in zona Vallegrande, che, sino ad alcuni mesi fa, erano nella disponibilità del clan dei Vitale. Maniaci, le cui condizioni non sono gravi, ha riportato contusioni ed escoriazioni in diverse parti del corpo.

Non è la prima volta che Giuseppe Maniaci è soggetto ad atti intimidatori. Per la sua attività ha già subito due attentati e numerosi messaggi d'intimidazione. Ma, anche questa volta non sono riusciti a fermare la sua informazione sulla e contro la mafia.

"Per non restare solo collaboro con altre realtà - aveva detto in un'intervista mesi fa Pino Maniaci - che combattono l'illegalità: quelli dell'associazione antimafia dedicata a Rita Atria, la rivista siciliana 'Casablanca' e il sito di controinformazione www.icensurati.it. Siamo connessi a un'altra emittente on line, Arcoiris Tv (che ha anche un canale sat; Ndr.) e poco alla volta sono arrivati a conoscerci in tanti".

Maniaci non può essere e non sarà mai solo e a lui e a tutti i suoi collaboratori va la solidarietà della redazione di 'Millecanali'. Invitiamo anche i lettori a manifestare la propria solidarietà a Tele Jato, che si può contattare tramite il sito www.telejato.it (telefono 091/8905850 - 339/8651591; e-mail redazione@telejato.it).

Elena Romanato

Pubblica i tuoi commenti