La Sardegna diventa digitale

Sono le ore dell’immediata vigilia della partenza dell’operazione ‘tutto digitale’ in Sardegna. Ecco alcuni particolari e il dettaglio di quel che sarà diffuso dai mux di Rai e Mediaset.

Parte in queste ore la digitalizzazione definitiva della regione Sardegna. Ma quali contenuti saranno diffusiO Per intanto pare chiara la sorte soprattutto in casa Rai e Mediaset.

Quest'ultima diffonderà i tre multiplexer attuali (Premium, il mux 2 e quello dedicato al Dvb-H) e tre singleplexer con i segnali analogici di Canale 5, Italia 1 e Retequattro, con probabilissima introduzione dell'Alta Definizione.

Per la Rai la situazione di partenza sarà questa:

Rai Mux 1: RaiUno, RaiDue, RaiTre (versione regionale)

Rai Mux 2: Rai 4, Rai Gulp, RadioUno, RadioDue, RadioTre e Auditorium

Rai Mux 3: Rai Sport Più, RaiUno, RaiDue e RaiTre

Rai Mux 4: Rai Educational 1, Rai Educational 2 e Rai Notizie 24

Rai Mux 5: Alta Definizione (con RaiDue e probabilmente anche RaiUno)

Rai Mux 6: sperimentazione per il Dvb in mobilità (non Dvb-H)

Dal sito www.digital-sat.it apprendiamo però all'ultimo momento di un'immediata evoluzione dei canali:

«In particolare c'è da segnalare l'introduzione di due versioni +1: sul mux Rai Digitale 2 ci sarà il +1 del canale edito da Carlo Freccero, Rai 4, Rai Digitale 3 invece ospiterà il canale Rai Gulp +1.

Da oggi inoltre salutiamo l'esordio sulla piattaforma digitale terrestre del canale Rai Edu2 che prossimamente subirà una trasformazione in Rai Edu Storia».

Ed ecco i mux cambiati:

Mux Rai Digitale 2: Rai 4, Rai 4+1, Sat 2000.

Mux Rai Digitale 3: Rai Gulp, Rai Sport Più, Rai News 24, Rai Gulp+1, Radio 1, Radio 2, Radio 3, Fd Leggera, Fd Auditorium.

Mux Rai Digitale 4: Rai Edu 1, Rai Edu 2, Rai 1, Rai 2, Rai 3.

Da domani, 15 ottobre, in Sardegna si avvierà dunque lo spegnimento della trasmissione analogica del segnale televisivo e inizierà l'accensione della trasmissione in digitale terrestre (DTT), e dal 1° novembre 2008, la Sardegna sarà la prima regione europea ad adottare integralmente il nuovo standard televisivo digitale.

L'offerta digitale della Rai per la Sardegna sarà complessivamente irradiata dai sei multiplex citati e sarà composta dai programmi digitali Rai e dai servizi interattivi a valore aggiunto (MHP) che, anche grazie alla collaborazione delle istituzioni locali, consentiranno di visualizzare informazioni di pubblica utilità.

Le attività tecniche di "spegnimento-attivazione" saranno raggruppate in 4 macro aree e verranno svolte nel giro di qualche giorno.

Macro area 1: Ogliastra / Sarrabus dal 15 al 16 ottobre (il 15 ottobre saranno coinvolti anche i comuni del Cagliaritano, Sulcis Iglesiente e Medio Campidano con la conversione al digitale della rete analogica di RaiUno);

Macro area 2: Cagliaritano / Medio Campidano / Sulcis Iglesiente dal 17 al 20 ottobre;

Macro area 3: Oristianese / Nuorese dal 21 al 24 ottobre;

Macro area 4: Sassarese / Gallura dal 27 al 31 ottobre.

Il dettaglio dei comuni coinvolti nelle giornate previste è disponibile anche sul sito www.decoder.comunicazioni.it alla voce "Elenco comuni".

È inoltre attivo il numero verde 800 022 000 da lunedì al sabato, dalle ore 8.00 alle ore 20.00, in grado di fornire tutte le indicazioni necessarie ad orientare i consumatori, gli installatori, i rivenditori, i produttori di elettronica di consumo.

Gli abbonati Rai residenti in Sardegna che non ne abbiano ancora usufruito potranno ottenere un buono acquisto del valore di 50 euro messo a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico per l'acquisto di un decoder digitale, tra quelli ammessi al contributo, spendibile presso i rivenditori che aderiscono all'iniziativa. La lista dei rivenditori è consultabile sulle pagine web realizzate dal Ministero dello Sviluppo Economico. È possibile trovare ulteriori informazioni inerenti la ricezione e le frequenze sul sito www.raiway.it.

Pubblica i tuoi commenti