La scomparsa di Leo Beghin e Vincenzo Crocitti

Muore l’inventore di ‘Chi l’ha visto?’. Scompare a Roma anche il caratterista Vincenzo Crocitti.

Due lutti nel mondo della Televisione. La notizia della scomparsa di Leo Beghin, inventore di quella che i critici hanno etichettato come “Tv-realtà”, è stata comunicata dalla famiglia a funerali già avvenuti. Beghin è morto venerdì scorso ad 81 anni.

Nato nel 1929 in provincia di Padova, Leo Beghin si è laureato in filosofia all'Università cittadina.
Trasferitosi a Parigi, dove lavora nel teatro, decise di andare a Roma e nel 1961 entrò in Rai come addetto ai programmi televisivi di fiction. In questa veste ha curato numerosi sceneggiati: da ''Quei trentasei gradini'' a ''Little Roma''.

Ma per gli addetti ai lavori il nome di Beghin resterà legato a quella tv-realtà legata alla ricostruzione dei fatti di cronaca negli studi televisivi, con programmi che vedono la partecipazione attiva del pubblico alla costruzione del programma con telefonate in diretta e interventi, come "Posto pubblico nel verde" con Donatella Raffai, "Telefono giallo" condotto da Corrado Augias, "Linea rovente" con Giuliano Ferrara, "Chi l'ha visto?" (soprattutto) con Donatella Raffai e Paolo Guzzanti, "Terzo grado" con Piero Craveri, "Filo'" con Giorgio Celli. Uno dei programmi più fortunati è proprio “Chi l'ha visto?” e nel 1990, Beghin collaborò con Roberto Olla, raccogliendo in un volume edito da Nuova Eri i testi delle prime serie della trasmissione, introdotti da un'ampia illustrazione del programma.

L'altro lutto è la scomparsa dell''attore Vincenzo Crocitti, morto la scorsa notte a Roma dopo una lunga malattia. Il nome in sé non dice forse molto, ma il viso tondo di Crocitti è sicuramente noto a chi segue le fiction televisive. L'attore romano infatti è stato dal 1998 al 2007 il dottor Mariano Valenti nella serie di RaiUno “Un medico in famiglia” e dal 2002 al 2007 il vicebrigadiere Vittorio Bordi nella fiction “Carabinieri” su Canale 5.
Calabrese di origine, Crocitti era nato a Roma 61 anni fa ed ha esordito nel mondo del cinema con “Nel sole” (1967). Nel 1976 era nel cast del film per la Tv “Orzowei” (1976). Ma a farlo conoscere al grande pubblico è stata nel 1977 la parte del figlio di Alberto Sordi in “Un borghese piccolo piccolo” di Mario Monicelli. Negli anni Settanta ed Ottanta ha interpretato numerosi film della commedia all'italiana.

Era un caratterista, uno dei tanti bravi e simpatici caratteristi che hanno fatto grande il cinema e la Tv italiana degli anni d'oro.

Pubblica i tuoi commenti