La serata live di ‘Italia’s Got Talent’ vista… dal vivo

Ho partecipato alla prima serata live in onda su SkyUno giovedì 30 aprile dall’Arena Sky di Milano di ‘Italia’s Got talent’ e, senza voler essere severa, posso dire che è stata un po’ al di sotto delle (mie, almeno) aspettative.

In realtà quella sera c’era proprio ‘aria di spettacolo’ all’Arena e mentre la struttura si riempiva di ospiti (abbiamo visto fra gli altri Alessandro Borghese e il comico romagnolo Paolo Cevoli), i preparativi sembravano promettere bene. Inizialmente a me hanno dato un posto in platea, nelle prime file, peccato che fosse dietro una telecamera gigante che mi impallava completamente il palco.

Ma, detto fatto, l’ufficio stampa di Sky, gentilissimo, mi ha cambiato di posto e messa a sedere più in alto, più lontano certo, ma sicuramente su una poltroncina più funzionale alla visione nella sua interezza dello show. Mentre aspettavamo l’inizio, due intrattenitori ci hanno anche illustrato come scaricare un’applicazione per far illuminare i nostri telefonini di diverso colore nel momento in cui ce lo avrebbero indicato, pochi minuti dopo l’inizio. Anche volendo fare i seri e distaccati professionisti, alla fine non si poteva, visto l’entusiasmo e l’insistenza, non alzare il proprio cellulare stile accendino ai concerti.

A dirla tutta, non ho idea se l’effetto in Televisione è stato quello sperato dagli autori. Comunque sia, per un attimo ci siamo sentiti parte dello puntata, una sensazione, a dire la verità, un po’ scemata con il trascorrere del tempo.

Lo spettacolo ha inizio con Claudio Bisio e Frank Matano che vengono calati dall’alto con un’imbracatura stile robot; l’atmosfera - ripeto - sembra quella di un grande spettacolo, con un bell’effetto e gioco di luci bianche sul palco.

La puntata prende poi il via con una Vanessa Incontrada un po’ emozionata, forse troppo, poco abituata a stare da sola su un palco. Si sente subito però che fra lei e Bisio ci sono complicità e una bella intesa, ma questo non basta a farle prendere il ritmo, a cavarsela da sola, sembra sempre avere bisogno di una spalla cui appoggiarsi. E in effetti si ride e ci si diverte di più, esibizioni a parte (solo alcune mi hanno veramente sorpreso ed emozionato), quando Claudio Bisio le lancia battute e la prende in giro amichevolmente, anche perché lei si presta molto bene al ruolo.

I giudici sembrano piuttosto spontanei e anche se dovessero aver preparato le battute, l’effetto è ben riuscito: Frank Matano in primis è a tratti esilarante nello ‘sparare’ i suoi commenti, che fra l’altro risultato anche quelli più cattivelli e forse sinceri, a fronte di quelli sempre positivi e buonisti degli altri suoi compagni giudici.

Anche la Littizzetto e Nina Zilli mi sono piaciute, mi sono sembrate vere e con la battuta pronta, anche se avrei gradito commenti più articolati e mi sarebbe piaciuto in particolare godere maggiormente della simpatia e della spontaneità della Littizzetto, che invece ha parlato troppo poco. Peccato che, come detto, il programma nel ‘live’ manchi un po’ di vitalità, di verve, i giudici non si voltano mai a guardare il pubblico (pur capendo le esigenze di scena, poteva esser carino ogni tanto rivolgersi al pubblico in sala) e che i concorrenti siano poco reattivi: non si è capito bene se per un problema tecnico, di acustica o semplicemente per mancanza di prove, nel momento in cui i giudici si rivolgevano a loro dopo l’esibizione con qualche domanda o commento, non sono quasi mai arrivate risposte pertinenti o in tempo reale.

Insomma, l’intero programma ha dato il meglio nelle registrate, vuoi per la sorpresa e la novità delle esibizioni, vuoi per i montaggi e la post-produzione, ben fatti e di assoluta qualità, come ha sottolineato il collega Mauro Roffi nel suo commento su millecanali.it dopo la prima puntata di questa ‘edizione Sky’ del talent (vedi news del 17 marzo 2015). A mio avviso qui sono mancati almeno in parte anche emozione e coinvolgimento, nei giudici come nel pubblico.

Bravissimi i tecnici, che durante le pause fra un concorrente e l’altro salgono sul palco a montare e smontare scenografie in tempi brevissimi e contati al decimo di secondo, come se facessero la cosa più semplice del mondo (sembrano i meccanici di Formula 1 durante i gran premi, per capirci); sempre durante le pause molti gli scambi fra autori, aiuti di scena e giudici, sempre carina la Incontrada, che anche se svaniva dietro le quinte a ogni esibizione o a ogni piccola pausa, abbiamo visto scambiare due parole e baciare affettuosamente la mano a una signora del pubblico che l’aveva aiutata a scendere le scale (mentre non era inquadrata ovviamente) per via dell’abito un po’ troppo lungo e stretto.

Sky Uno ha provato a imitare se stessa e nella fattispecie ‘XFactor’ proponendo anche un ‘dopo trasmissione’ con Rocco Tanica e Lucilla Agosti, ma forse è stato davvero chiedere troppo.

Nel complesso il primo live è stata visto da 941.046 spettatori medi (un leggero calo rispetto alla settimana precedente), con il 3,3% di share (e un picco del 4,16%) e 1.773.153 spettatori unici. Mentre la prima puntata di ‘Italia’s got veramente talent’, live dalle 24.05 sugli stessi canali, è andata in onda ovviamente a Arena vuota e ha raccolto in media davanti alla Tv 271.593 spettatori. Nella serata in questione, SkyUno è comunque stato il canale più visto della piattaforma e, nella fascia di ‘Italia’s Got Talent’, il 5° della Tv italiana nel target 15-54 anni, con uno share del 4,85%. Dopo questa prima puntata di assestamento, siamo sicuri che SkyUno potrà fare meglio.

Concludiamo con piccole particolarità tecniche: l’Arena Sky prevede 500 mq. di palco, 500 mq. di retropalco, archi scenografici realizzati con trusse Litec su misura e circa 1250 posti fra tribuna e platea. Per quanto riguarda le riprese, c’erano: Ob-Van Full HD con 15 telecamere Sony, robycam su 3 assi, steadycam radio, una telecamera su binario e colonnina Dolly e EVS.

Pubblica i tuoi commenti