La Sipra raddoppia i “fatturati mondiali”

Il successo d’audience di questi mondiali asiatici porterà nelle casse Rai, attraverso Sipra, oltre 45 milioni di euro. Una somma, quella raccolta, che si avvicina al doppio di quella prevista sei mesi fa (15-20 miliardi di euro) dalla concessionaria

Secondo molti osservatori la mossa vincente potrebbe essere stata la scelta, fatta con largo anticipo da Agostino Saccà, di eleggere RaiUno al ruolo di unica "emittente mondiale".

Una formula in cui i moduli pubblicitari (che portano i simpatici nomi di arti marziali coreane e nipponiche come Judo, Sumo ecc.) potevano essere venduti sia a cavallo delle partite che, convenientemente, all'interno dei tanti programmi di approfondimento a margine degli eventi sportivi. Con il secondo turno dei mondiali l'unico modulo ancora valido sarà quello definito "Sumo", composto da 34 spot di 30 secondi per la "calcistica" cifra di 1.125.000 euro.

Pubblica i tuoi commenti