Le aziende si fanno la Tv in proprio

Cresce il numero delle “televisioni aziendali”, voce e immagine di imprese come Enel, Banca Intesa, Monte dei Paschi di Siena, Hewlett Packard, Manpower, Shell, Mediolanum…

La definizione è quella di "televisione aziendale", voce e immagine di imprese come Enel, Banca Intesa, Monte dei Paschi di Siena, Hewlett Packard, Manpower, Shell, Mediolanum, Epson e, per capire la portata del fenomeno, anche della nostrana Pubblica Amministrazione.

Moda italiana delle società che possono permettersela, quella della televisione aziendale è una voga nata e cresciuta negli Stati Uniti, all'ombra di colossi come Chrysler e General Motors: imperi dell'automobile che, in stabilimenti dalle planimetrie immense, alla fine degli anni Settanta non sapevano esattamente come entrare in contatto con i propri (molti) dipendenti, scegliendo così di installare televisori nei vari reparti per comunicare avvenimenti aziendali e stato della produzione.

Gli obiettivi, ora come allora, sono rappresentati dal coinvolgimento dei lavoratori nella vita aziendale e dalla rapida circolazione delle informazioni, dai nuovi prodotti fino alle (meno frequentemente) strategie d'impresa, soprattutto attraverso i monitor dei computer e tramite le reti dell'internet aziendale, definito "intranet".

Spulciando tra gli articoli e il libro ("E l'azienda fa la Tv" di Andrea Notarnicola, Franco Angeli Editore) che sono già stati dedicati al fenomeno, notiamo come non siano dissimili i pareri dei responsabili delle aziende coinvolte in queste nuove (superiori all'oramai più trascurato "house organ") video-iniziative di comunicazione. "Vorremmo che la giornata lavorativa degli impiegati dell'amministrazione pubblica cominciasse proprio con la visione dei nostri programmi" - afferma per esempio Antonio Bettanini, direttore di Tele Pubblica Ammministrazione (Tele P.A.) Più o meno dello stesso avviso Simona Chipi, capo redattore della Tv dell'Enel: "Il nostro scopo è quello di portare ai lavoratori Enel tutte le informazioni che li possono aiutare a crescere professionalmente e a lavorare meglio".

Se poi l'iniziativa cresce a dovere, si può magari pensare di uscire anche all'esterno dell'azienda, rivolgendosi magari ai clienti dei propri prodotti o al pubblico interessato più in generale, come ha finito per fare, per esempio, Mediolanum con il canale digitale Mediolanum Channel.

Pubblica i tuoi commenti