Le donne e le Tv locali

La questione della rappresentanza e rappresentazione di genere nei Telegiornali è un tema di ricerca e di riflessione molto attuale; ascrivibile alla più ampia area del rapporto fra donne e media, è divenuta materia di studio fra femministe e teorici della comunicazione di massa, almeno mezzo secolo fa, e oggetto di normative internazionali e nazionali, da quando, nel 1995, la Piattaforma di Azione con cui si è conclusa la IV Conferenza mondiale delle donne a Pechino ha individuato – tra gli alt…

La questione della rappresentanza e rappresentazione di genere nei Telegiornali è un tema di ricerca e di riflessione molto attuale; ascrivibile alla più ampia area del rapporto fra donne e media, è divenuta materia di studio fra femministe e teorici della comunicazione di massa, almeno mezzo secolo fa, e oggetto di normative internazionali e nazionali, da quando, nel 1995, la Piattaforma di Azione con cui si è conclusa la IV Conferenza mondiale delle donne a Pechino ha individuato - tra gli altri - due obiettivi strategici: "accrescere la partecipazione delle donne e permettere loro di esprimersi e accedere ai processi decisionali nei media" e "promuovere un'immagine equilibrata e non stereotipata delle donne nei mass media".

In Italia, la Televisione nazionale è stata spesso indagata e anche messa sotto accusa per non rappresentare le donne, per veicolarne un'immagine stereotipata, scarna, lontana dalla realtà, per limitarne l'accesso; la Televisione locale, invece, è stata raramente oggetto di qualche ricerca, nonostante il proliferare di piccole emittenti diffuse in modo capillare su tutto il territorio italiano. Da qui la proposta avanzata dall'Osservatorio di Pavia a tutti i Comitati Regionali sulle Comunicazioni, organi territoriali dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, per la creazione di un network che realizzasse un'indagine empirica in grado di verificare la rappresentazione di genere nelle emittenti televisive regionali, replicando su scala locale il modello del Global Media Monitoring Project (GMMP), una ricerca internazionale volta a favorire le pari opportunità di genere nei media.

L'adesione al progetto dei Co.Re.Com. di Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Toscana e del Co.Re.Rat. Sardegna ha consentito la realizzazione dell'indagine, estesa alle sei regioni di pertinenza dei Comitati aderenti. L'adozione del modello del GMMP ha consentito un'analisi strutturata, di tipo quantitativo, efficace nel comprendere il grado e la modalità di inclusione/esclusione delle donne rispetto agli uomini, il livello di attenzione alle tematiche di genere e ai soggetti femminili, la presenza/assenza di eventuali stereotipi di genere.

Ecco alcuni dei risultati emersi dall'analisi dei Tg trasmessi dalle ore 8 alle ore 24, il giorno 22 febbraio 2007, da 11 Tv campione (Rete Saint Vincent, Quartarete, Rete 7, Telelombardia, Telenova, Telefriuli, Telequattro, Canale 10, RTV 38, Sardegna 1 e Videolina):

* sotto il profilo della conduzione dei telegiornali, l'indagine rileva una minoranza femminile: le donne speaker sono il 36,4% contro il 63,3% degli uomini;

* una maggiore apertura alle donne viene registrata per le reporter: le giornaliste rappresentano il 45,7% dei corrispondenti;

* considerando nel complesso tutti i dati sui giornalisti, emergono quattro profili regionali: la Lombardia si contraddistingue per un certo equilibrio nella rappresentanza di genere dei giornalisti, Valle d'Aosta e Friuli Venezia Giulia mostrano una certa ambivalenza, favorendo le donne solo in uno dei ruoli professionali considerati, il Piemonte e la Toscana si contraddistinguono per un'ampia apertura alle donne giornaliste e la Sardegna, infine, è l'unica regione che presenta una certa chiusura alle professioniste donne;

* i risultati relativi agli argomenti di cui si occupano le corrispondenti evidenziano valori in linea con quelli emersi nelle indagini sui telegiornali nazionali: le donne sono meno delegate degli uomini alla politica, si occupano prevalentemente di arte, cultura e spettacolo e di educazione, anche se confermano il loro ingresso nello spazio dell'economia.

Il testo integrale della ricerca è pubblicato nel volume di Monia Azzalini "Tv locale e rappresentazione di genere. Rappresentanza e rappresentazione femminile nei Telegiornali di sei regioni italiane", Multimedia Cardano, Pavia 2007.

Pubblica i tuoi commenti