L’HD Forum 2015 a San Marino

Conclusi con successo a San Marino i lavori dell’HD Forum Conference 2015. Siglato l’accordo con l’associazione paneuropea HbbTV. Grande convergenza tra gli operatori sul futuro della Televisione in Italia.

 

Due intense giornate di lavori, con oltre duecento operatori del settore, italiani ed esteri, hanno avuto luogo al Centro congressi Kursaal di San Marino, il 24 e 25 aprile scorsi. Vi hanno preso parte molti esponenti di rilievo del sistema televisivo italiano e di quello europeo.

La manifestazione è stata ospitata dall’Azienda Autonoma dei Servizi di Stato (AASS) della Repubblica di San Marino, nel quadro di una collaborazione con HD Forum Italia, mirante alla sperimentazione di servizi audiovisivi ad alto valore aggiunto nella rete “fiber to the home” che il Governo di San Marino intende dispiegare prossimamente in tutto il suo territorio. Hanno presenziato all’a­pertura dei lavori i Segretari di Stato Teodoro Lonfernini e Antonella Mularoni, il Presidente dell’AASS Anthony Bucci e il Direttore Generale dell’AASS Emanuele Valli. Il saluto del Direttore Generale della RTV San Marino, Carlo Romeo, ha completato gli interventi di apertura.

All’ordine del giorno, due fenomeni in simultaneo sviluppo, anche se mutuamente indipendenti sotto vari aspetti: il con­seguimento di standard di qualità dell’immagine sempre più elevati e la convergenza sempre più evidente tra la ricezione tramite radiodiffusione (broadcast) e quella tramite la rete a banda larga e ultralarga (broadband). Entrambi i fenomeni caratterizzeranno sempre più il futuro del mezzo televisivo.

Sul fronte della qualità, tutti i relatori della Conference sono apparsi allineati sull’idea che la specificità distintiva dello schermo televisivo, rispetto a tutti gli altri schermi, è proprio la qualità dell’immagine, sia per la crescente affermazione sul mercato di schermi 4K, ossia con risoluzione quadrupla degli attuali schermi in alta definizione, sia per l’introduzione di tecnologie destinate a migliorare la profondità di colore (BT2020), la stabilità dell’immagine (HFR: High Frame Rate), i dettagli di parti di immagini in penombra o fortemente illuminati (HDR: High Display Range) e la qualità delle componenti audio (Audio object e AC4).

La proiezione del lungometraggio “Samsara” ha reso evidente le spettacolari caratteristiche delle immagini in 4K, offren­do contemporaneamente la prospettiva di un ideale continuum TV / cinema, elemento molto importante per la catena del valore della distribuzione cinematografica e audiovisiva in termini di omogeneità dei formati. Un lungometraggio come “Samsara” dimostra mirabilmente come immagini di altissima qualtà, girate in 25 diversi siti nel mondo in 5 anni di produ­zione, possano non solo coinvolgere emotivamente lo spettatore ma “trasportarlo” al centro delle scene rappresentate, concretizzando il motto della conferenza di quest’anno: ‘la UltraTV è il messaggio.’

In relazione al 4K la Conference 2015 ha inoltre offerto l’anteprima nazionale da parte di Infinity dello streaming in Ultra HD sviluppato su piattaforma HbbTV a dimostrazione della fattibilità di una distribuzione broadband OTT di contenuti audio­visivi in 4K su tv standard dotati di codec HEVC. La banda necessaria per sostenere tale streaming si aggira intorno ai 20 Mbps, mentre la risoluzione è adattata alla velocità della linea, scalando verso il basso, se non risulta sufficientemente prestante.

La convergenza, tra broadcast e broadband rende possibile una Televisione in cui i contenuti “lineari” si combinano con contenuti interattivi e “on demand”, consentendo inoltre allo spettatore di richiedere insieme alla scena principale anche altri punti di ripresa e, in aggiunta, abilita un’esperienza multischermo, nella quale il display di uno smartphone o di un tablet può interagire con il televisore come mezzo ausiliario e simultaneo della fruizione audiovisiva (Second Screen o Companion Device).

Al fine di armonizzare i formati audiovisivi, in un mondo integrato broadcast e broadband, è opportuno rendere disponibile su tutti i televisori una piattaforma software di base (middleware) rispondente ad uno stesso standard. A livello nazionale italiano l’esperienza con la Media Home Platform (MHP), l’attuale piattaforma dei servizi aggiuntivi che i broadcaster utilizzano per la distribuzione dell’interattività, ci consente di affrontare con autorevolezza la migrazione verso un nuovo standard pan-europeo denominato HbbTV, tecnologicamente affine al linguaggio HTML utilizzato in tutti i pro­grammi di navigazione internet, e quindi più semplice e universale dell’MHP.

A livello Paese, per iniziativa di alcune associazioni come Confindustria Radio Tv e HD Forum Italia, è stata presa la de­cisione di abbandonare progressivamente MHP per adottare HbbTV. E proprio alla discussione di un tale passaggio è stata dedicata la giornata del 24 aprile con l’HbbTV Workshop.

Il Workshop Hbbtv del 24 aprile, al quale hanno partecipato molti esponenti dello steering committee della Associazione HbbTV, ha rappresentato un vero “kick-off” di apertura collaborativa tra le Associazioni, accreditando l’HD Forum quale organi­smo con il quale sviluppare il confronto per i requisiti italiani delle specifiche e configurazioni tecniche della nuova piattaforma.

Sono anche intervenuti Giuliano Berretta e il Commissario AGCOM Antonio Preto.

La giornata del 25 aprile ha visto due sessioni dedicate, rispettivamente, alla convergenza di broadband e broadcast, a livello di apparati e rete nella casa dell’utente, e alle caratteristiche dei dispositivi tv del futuro nella casa dell’utente. Molto efficace, a questo proposito, la presentazione di Peter Sykes, strategic manager di Sony Europe.

Infine, ricca di notevoli spunti e di sollecitazioni tecnologiche è stata l’Area dimostrativa allestita a latere della Conference a supporto del tema ‘l’Ultra TV è il messaggio’.

Conclusa brillantemente la due giorni di San Marino, HD Forum Italia completerà il suo programma “Eventi 2015” il 25 settembre prossimo a Expo Milano 2015 ancora con la partnership della Repubblica di San Marino.

Pubblica i tuoi commenti