L’improvvisa scomparsa di Stefano Poli

Nell’esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia Poli, in particolare alla moglie Isabella D’Antono, che è sempre stata ‘vicina’ a noi di Millecanali e in diverse occasioni ci ha spiegato le scelte imprenditoriali della famiglia in quel campo televisivo che era stato la ‘passione’ prima di Oreste e poi di Stefano Poli, ricordiamo che il gruppo televisivo di cui stiamo parlando è uno dei più importanti del Centro Italia e riunisce da moltissimi anni a Firenze sigle storiche come Tele 37 (oggi non più in video), Rete 37, 8 Toscana e i più recenti Tgt 24 (tg continuo) e Gastone Nencini (ciclismo). L’emittente principale è però Italia 7 (Toscana), denominazione mantenuta con convinzione anche dopo la fine di ogni affiliazione nazionale con altre Italia 7 (Gold).

Ma ecco la (triste) cronaca di quanto avvenuto lunedì scorso in Toscana, come riferito dal ‘Tirreno’:

 

«Stefano Poli, imprenditore ed editore di Italia 7, è morto lunedì 2 novembre, a causa di un malore nella sua abitazione di Punta Ala. Poli aveva 63 anni e lascia la moglie Isabella D'Antono, direttrice di Italia 7, e tre figli Gabriele, Olivia e Ottavia. È stato accompagnato alle Scotte di Siena ma la corsa è stata purtroppo inutile.

Cordoglio è stato espresso nel mondo istituzionale per la scomparsa dell'imprenditore, uno dei pionieri dell'emittenza televisiva in Toscana. Fondatore ed editore di Italia 7, Poli aveva scommesso sulla formula all news, con il Tgt 24. "La scomparsa di Stefano Poli - dice il presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani - rappresenta un grave lutto che ci coglie impreparati. Poli è stato una figura di riferimento per tutto il mondo televisivo oltreché un grandissimo e caro amico. Il mio pensiero e le mie più sentite condoglianze vanno alla famiglia, alla moglie Isabella e ai figli Gabriele, Ottavia e Olivia, affinché possano trovare un po' di conforto in questo terribile momento".

"La morte improvvisa di Stefano Poli - è il cordoglio del sindaco di Firenze Dario Nardella - lascia un vuoto nel mondo dell'editoria del nostro territorio. Imprenditore attento e innovativo aveva saputo ampliare un gruppo televisivo importante e costruire un legame forte con la città, della quale aveva scelto di raccontare in diretta le tradizioni più vere e sulla quale non aveva smesso di investire per il giornalismo e l'occupazione"».

Pubblica i tuoi commenti