Lo Sci, RaiDue e gli sportivi delusi

Doveva essere una stagione autunnale ricca di eventi e di tantissimo Sci sulla rete diretta da Marano. Per adesso però invece della neve è scesa pioggia sul bagnato…

"La Rai deve acquistare al più presto i diritti per la Coppa del mondo di Sci". È questa l'insolita richiesta che oltre 100 deputati di diversi schieramenti politici hanno avanzato al Ministro delle comunicazioni Maurizio Gasparri a proposito della copertura televisiva di questo "evento invernale", iniziato da poco.

L'interpellanza parlamentare, definita "urgente", è arrivata dopo una prima richiesta firmata tre settimane fa da oltre 60 onorevoli. In sintesi, i parlamentari hanno ora nuovamente chiesto a Gasparri "quali iniziative intenda intraprendere con urgenza per evitare che la Rai disattenda la copertura della Coppa del mondo di Sci". La Rai, fra l'altro, fa eccezione rispetto alle reti televisive di diversi altri Paesi.

Giornalisticamente, oltre che attendere la posizione del Governo (ma sarà competente in materiaO), sarà a questo punto interessante soprattutto capire come i responsabili Rai vorranno gestire la piccola "patata bollente" del mancato acquisto dei diritti. I propositi del direttore di RaiDue Antonio Marano (e, si supponeva, anche di Paolo Francia a nome di Rai Sport), ai quali avevamo anche dato spazio sulle pagine della nostra newsletter settimanale (vedi l'edizione del 3 ottobre scorso), che descrivevano per RaiDue "un autunno giovane e sportivo", sono finora rimasti in buona misura tali, soprattutto appunto in materia di Sci.

Per capirne di più, recentemente e in via del tutto esclusiva, abbiamo contattato telefonicamente Marco Bogarelli di Media Partners, "l'uomo dei diritti", il quale ci ha confidato che la partita con la Rai in questo momento si starebbe giocando su cifre molto lontane dall'iniziale base d'asta di 8.5 milioni di Euro. Bogarelli ha affermato che la proposta di Media Partners alla Rai avrebbe subito nelle ultime riunioni un drastico ridimensionamento, con uno "sconto" vicino al 30% sulla citata cifra iniziale.

Il pacchetto di gare e trasmissioni offerte da Media Partners prevede, per la precisione, circa 200 ore di messa in onda, da novembre a marzo di ogni stagione sportiva, da qui alle Olimpiadi di Torino 2006. Non va dimenticato che da quest'anno i più importanti eventi sciistici mondiali si terranno in Italia: nell'ordine potremo assistere (speriamo anche in Televisione...) ai "Campionati mondiali Val Di Fiemme 2003", ai Campionati del Mondo di Sci Nordico, alle Universiadi a Tarvisio, ai Campionati del Mondo di Sci Alpino del 2005 e, naturalmente, alle tanto attese Olimpiadi invernali di Torino 2006.

Pubblica i tuoi commenti