Maria batte Gianni (che chiama Fiorello)

Quasi ottocentomila telespettatori in meno rispetto alla settimana scorsa e 3 punti di share persi nei meandri dell’Auditel sono bastati per mandare alla deriva la corazzata di Morandi.

Il siluro, com'è abbastanza facile immaginare, è partito da Maria De Filippi: il suo "C'è posta per te", preceduto da alcuni minuti di "backstage" del "Pinocchio" di Benigni, domenica sera è passato da 6 milioni e 261mila telespettatori a poco più di 7 milioni (30.63% di share), mentre "Uno di noi" di Morandi, Cuccarini e Cortellesi è andato sotto la precedente puntata, passando da 6 milioni 957mila a 6 milioni 232mila (29.27% di share).

Le ricadute della sconfitta sui vertici Rai saranno prevedibilmente molto forti e si prevede che di qui a sabato si farà qualunque cosa per riportare in vetta il "Gianni nazionale".

Gianni Morandi, da parte sua, in una nota d'agenzia, sembra comunque prenderla con filosofia. "Complimenti alla concorrenza - ha affermato il cantante - , nella mia carriera ho vinto ma ho anche perso molte volte e le sfide mi appassionano. Ci rivediamo sabato prossimo". I maligni vociferano che alla perdita del primato di Morandi abbia dato un buon contributo la partecipazione alla trasmissione del Ministro delle Comunicazioni Gasparri, contrapposto allo sbaraglio alle appetitose "portate" della De Filippi, tra cui la presenza in studio degli attori di Beautiful e il duo Greggio-Iacchetti in versione "trans". "Nei minuti in cui c'era in onda Gasparri - ha affermato Paolo Gentiloni della Margherita - "Uno di noi" ha perso circa 700mila telespettatori".

Secondo indiscrezioni, a dar man forte al "canta-conduttore", sarebbero previsti già per sabato prossimo alcuni interventi "a spot" di Fiorello.

Nel bailamme generale l'unico tranquillo sembra Pippo Baudo, probabilmente temprato della non troppo fortunata esperienza di "Destinazione Sanremo" (recentemente strapazzato, come prevedibile, anche dalla prima puntata di Paperissima). "Non sarei per la messa funebre - ha affermato Pippo - . Si può recuperare, anche se perdere così è un campanello d'allarme". Alla domanda se il pubblico abbia preferito i divi di Beautiful al ministro Gasparri, Baudo ha risposto che "non è colpa sua, lui non fa le soap".

I Monopoli di Stato, dal canto loro, hanno invece dichiarato di non essere affatto preoccupati per l'esito degli ascolti di "Uno di noi". Al 10 ottobre la distribuzione dei biglietti va molto meglio dell'anno scorso: i tagliandi con il ritratto di Gianni Morandi distribuiti fino alla fine della scorsa settimana sarebbero infatti un milione in più dello stesso periodo dello scorso anno.

Pubblica i tuoi commenti