Mediapason e Radio e Reti soci in Publishare

Publishare è la nuova concessionaria di pubblicità nazionale di TeleLombardia e Antenna 3 e a costituirla sono stati il gruppo Mediapason di Parenzo e Radio e Reti. Ma per Parenzo c’è un’altra importante novità: l’acquisto della torinese Videogruppo.

Si chiama Publishare la nuova società costituita da Mediapason spa, editore di Telelombardia, Antenna 3, Canale 6, e da Radio e Reti, concessionaria di pubblicità nazionale e azionista di Radio Kiss Kiss e Radio Italia solomusicaitaliana.

Publishare, concessionaria di pubblicità nazionale, sarà operativa dal 1° dicembre 2006 e avrà in portafoglio mezzi Telelombardia e Antenna 3, le due principali televisioni del Nord Italia.

"Era necessario uno strumento nuovo per offrire risposte e opportunità alle esigenze degli investitori nell'area più ricca del territorio italiano" - ha spiegato Sandro Parenzo, presidente e azionista di maggioranza di Mediapason.

Nel Cda della nuova società (50% Mediapason, 50% Radio e Reti) siedono Huguette Campione, presidente, Paolo Romano, amministratore delegato, Massimo Soleri e Raffaele Besso, consiglieri.

Direttore commerciale della concessionaria è Stefano Marzo, già responsabile dell'area clienti di Radio e Reti.

La sede operativa di Publishare è a Milano, in via Melchiorre Gioia 45.

Ma per il gruppo di Parenzo c'è un'altra importante novità che è appena stata confermata ufficialmente: l'acquisizione della torinese Videogruppo, un nome storico dell'emittenza piemontese che andrà ad aggiungersi alle emittenti lombarde già citate ('nel mirino' ci sarebbero poi anche il Veneto e l'Emilia-Romagna). Parenzo avrebbe offerto 3 milioni di Euro per il 100% della Tv che fu fondata da Sergio Rogna, nome noto dell'emittenza locale italiana, e l'operazione, a quel punto, è andata in porto.

«Probabilmente cambieremo nome e logo dell'emittente - ha detto Parenzo a 'Italia Oggi' - e metteremo la parola Piemonte nel marchio. Deve esser comunque chiaro che non arriviamo con una Tv lombarda. Resteremo molto radicati al territorio, come già facciamo con le altre nostre Televisioni".

Pubblica i tuoi commenti