Mediapro non si ferma più: sua anche Euroscena

 

Fanno proprio sul serio gli spagnoli di Mediapro che hanno appena acquisito i diritti televisivi del campionato di calcio di serie A. A confermare la loro determinazione direttamente in tema televisivo - e anche a dimostrare che i timori di Sky di un loro ruolo ben più incisivo di quello di ‘puri intermediari’ hanno probabilmente qualche fondamento - ecco la notizia dell’acquisizione di un’importante società di produzione Tv specializzata proprio nel campo sportivo: è quella Euroscena fondata da Luigi Sciò che anni fa venne alla ribalta quale ‘struttura preferita’ dall’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi (che inviava agli stessi Tg i filmati realizzati da Euroscena con le sue dichiarazioni) ma che in questi anni si è mano a mano sviluppata con eccellenti attrezzature e sedi, curando la realizzazione delle riprese televisive di importanti eventi sportivi.

Passiamo ai particolari.

È stata dunque la struttura legale di Bureau Plattner ad assistere Mediapro Internacional, del gruppo Mediapro, nella sottoscrizione dell’aumento di capitale della società romana Euroscena S.r.l., leader nel panorama delle produzioni televisive italiane, degli eventi nazionali e internazionali, della progettazione e realizzazione di impianti televisivi.

Mediapro Internacional, S.L.U., società del gruppo Mediapro, leader nel settore audiovisivo europeo con 40 sedi distribuite in 26 Paesi e 4 continenti, attiva in particolare nel campo dell’integrazione dei contenuti, della produzione e della distribuzione audiovisiva, è entrata così nel capitale di Euroscena S.r.l., acquisendone la maggioranza.

Euroscena S.r.l. vanta moderni Centri per Produzioni cine-televisive a Milano (Sesto San Giovanni) e Roma (Tor Cervara) ed offre tutta la gamma di servizi, dall’ideazione alla realizzazione tecnica per la Televisione, la Cinematografia, la Pubblicità, ai Corsi di formazione professionale di ogni settore audiovisivo.

Il team di Bureau Plattner è stato guidato dal socio Massimo Petrucci, con gli associati Alberto Lama e Francesca Tonizzo.

Il Prof. Avv. Giustino di Cecco e il Prof. Avv. Mario Esposito hanno invece assistito il socio fondatore di Euroscena, Luigi Sciò, attuale AD.

L'operazione è avvenuta negli ultimi giorni di gennaio appunto mediante un aumento di capitale sottoscritto dagli spagnoli di MediaPro Internacional.

Questa stessa società aveva poi creato a metà gennaio MediaPro Italia srl, la prima controllata italiana del gruppo, quella che nei giorni scorsi ha offerto 1,05 miliardi di euro per gestire le ‘licenze media’ del campionato di calcio fino al 2018. Nel 2016 Euroscena ha realizzato ricavi per quasi 7 milioni di euro (+ 20% circa) principalmente in Italia: poco più del 10% del fatturato arriva invece dalle attività in Svizzera e Portogallo. Il primo semestre del 2017 ha mostrato ricavi in ulteriore incremento.

Pubblica i tuoi commenti