‘MilleVoci 2014’, uno show internazionale

Le novità e le conferme dell’ormai noto show televisivo voluto da Gianni Turco, storico ‘amico di Millecanali’ e intraprendente regista e organizzatore di uno spettacolo musicale televisivo particolarissimo ma ‘di prim’ordine’ quale ‘MilleVoci’.

Torna anche quest'anno il format musicale ideato e diretto da Gianni Turco. È visibile in Italia sulle frequenze terrestri di molte Tv locali, sul Web e sul satellite in Europa, Stati Uniti. Australia e Canada.
Metti della buona musica, meglio se italiana, quattro conduttori quattro, una ottantina di cantanti, il tutto ben distribuito in 15 serate, più uno speciale con “il meglio di...” ed ecco “MilleVoci”, lo show Tv di intrattenimento musicale ideato e diretto da Gianni Turco.

Giunto alla decima edizione, il programma - che si registra ancora presso il dancing “Satiricon” di Aprilia, è condotto da Gianni Nazzaro, Gianni Drudi, Stefania Cento e da nientepopodimeno che Giò Di Sarno, che fu la conduttrice delle edizioni 2006 e 2007 e che torna quest'anno a pieno titolo alla co-conduzione del format.

Quest'anno MilleVoci si presenterà ricco di novità, a partire dalla durata e dalla formula. «Ho voluto dare ancora più spazio agli artisti - spiega Gianni Turco - ed è per questo che il programma sarà simile ad un talk show, in cui gli artisti non solo si esibiranno con le loro performances ma dibatteranno sul tema musicale per la quale il programma è fatto, per cui resteranno per tutti i 100 minuti incollati in scena e quindi useranno l'ugola non solo per cantare».

Le innovazioni non termineranno qui: per la prima volta parteciperanno allo show artisti di livello intercontinentale. «Quest'anno supereremo di nuovo i confini europei. Negli ultimi anni hanno partecipato infatti artisti spagnoli, belgi, francesi, inglesi… Ora si aggiungono al casting anche cantanti brasiliani che nel loro Paese sono notissimi».

La vera chicca però è un'altra: l'Orchestra all'italiana di Alfio Lombardi, composta da ben 14 elementi per strumenti di vario tipo, accompagnerà alcuni artisti in live e si esibirà in brani brillanti e classici riveduti e corretti, un tributo a Renzo Arbore.
E proprio per la sua valenza che MilleVoci viene distribuito gratuitamente a tutte le Tv che hanno prenotato la serie. Ha una diffusione capillare in Italia, mentre via satellite si arriva in Europa, Stati Uniti, Australia e Canada.

Il programma è trasmesso anche da parecchie emittenti radiofoniche, non solo italiane, senza dimenticare che il tutto sarà inserito nel canale MilleVoci di YouTube e siti simili, che lo riprendono.

La kermesse vede sia la partecipazione di nuovi talenti accuratamente selezionati sia di diversi nomi noti del panorama dello spettacolo nazionale. Gli artisti emergenti possono chiedere di partecipare inviando il materiale elencato sul sito www.millevoci.it oppure www.millevoci.eu.

Tutti i big partecipano gratuitamente al programma, non viene corrisposto neanche il gettone di presenza: «Offriamo il pranzo ed il caffè» - dice sicuro Turco. Il fatto è che lo show, realizzato con poche risorse, non ha nessun obiettivo di guadagno ed è, per gli artisti, un valido mezzo di visibilità che porta o incrementa serate lavorative.
La formula senza pubblicità è stata voluta dal suo ideatore, il quale però, sotto sotto, si augura di poter avere almeno uno sponsor. «Sì - ammette - , ma per migliorare ulteriormente il programma, scenografia compresa, quella che uso comincia a ridursi di peso e quasi cammina da sola!».

Pubblica i tuoi commenti