Miss Italia si rinnova e torna su La7 con tre appuntamenti

Un evento di costume, legato alla tradizione, che vuole arrivare al pubblico usando i linguaggi più moderni: così è stata presentata a Milano la 76ma edizione di Miss Italia, l’iniziativa firmata Patrizia Mirigliani che eleggerà la nuova Miss il prossimo 20 settembre a Jesolo.

Forte di un numero record di iscrizioni (10.000) e di un nutrito gruppo di sponsor (17 sono i marchi che sostengono l’iniziativa), l’edizione 2015 di Miss Italia sembra essere partita con le carte in regola. Inoltre la kermesse, che vede in gara ragazze provenienti da tutta Italia, può essere vista come un vero e proprio progetto multimediale: ai tre appuntamenti in onda su La7 e La7D - due seconde serate il 18 e il 19 settembre e una prima serata in diretta dal Pala Arrex di Jesolo per la finale di domenica 20 settembre - si affiancano la presenza sulla radio e sul web.

Per la copertura radiofonica è stata confermata la partnership con Radio Kiss Kiss, che seguirà anche quest’anno la serata finale con una diretta condotta da Pippo Pelo e Francesco Facchinetti, e che premierà una fra le 33 finaliste con un contratto di lavoro di tre mesi nell’ambito marketing e comunicazione dell’emittente, mentre la presenza sul web è ancora più consistente: oltre al sito ufficiale www.missitalia.it, che nel mese di agosto ha registrato 120.000 visite e che è stato il cantiere dell’iniziativa ‘Curvy’, la manifestazione sfrutta tutti i social network - Facebook, Twitter, Instagram, Youtube – e l’applicazione Periscope. La stessa finale del 20 settembre sarà trasmessa in simulcast anche su La7.it.

“Da due anni abbiamo avviato un progetto di rinnovamento del concorso, collaborando con Magnolia e con Simona Ventura”, ha detto Patrizia Mirigliani aprendo la conferenza stampa con un richiamo anche ai risvolti più ‘impegnati’ della manifestazione, come la collaborazione con Codacons in un’iniziativa contro lo stalking e il sostegno del premio letterario ‘Donne, stop alla violenza’, promosso da Equilibra, uno degli sponsor di Miss Italia.

Mirigliani ha anche ringraziato La7, rete che dal 2013 ospita la manifestazione nel suo palinsesto e che per l’occasione è stata rappresentata dal suo AD Marco Ghigliani.

“Siamo soddisfatti dell’operazione Miss Italia e le polemiche che avevano accompagnato due anni fa la nostra scelta di legarci alla manifestazione sono ormai superate”, ha dichiarato Ghigliani, ricordando i numeri dell’edizione 2014: share del 7,23% e 1,2 milioni di spettatori medi per la finale, con una crescita del +31% in termini di share e del 29% in ascolto medio rispetto all’anno precedente.

Per l’edizione 2015 si punta a fare ancora meglio: “Quest’anno introduciamo anche due seconde serate, il venerdì e il sabato alle 23.15 circa, con due speciali ‘Miss Italia – Le Finaliste’, replicati entrambi il pomeriggio successivo, che hanno l’obiettivo di presentare le 33 ragazze approdate all’ultima fase del concorso”, ha aggiunto Ghigliani.

Il rinnovamento citato da Patrizia Mirigliani riguarda anche lo svolgimento della gara, con le 33 candidate (già selezionate da una giuria tecnica il 2 e 4 settembre tra 211 prefinaliste) che saranno seguite e valutate dai tre giudici Claudio Amendola, Joe Bastianich e Vladimir Luxuria. “Abbiamo scelto tre personaggi provenienti da mondi diversi, che accompagneranno le ragazze, divise in tre gruppi, ognuno nel proprio ambito di riferimento professionale e artistico”, ha commentato Simona Ventura che, oltre a condurre la serata finale, figura tra gli autori del progetto insieme alla squadra concepita da Magnolia, di cui fanno parte Magda Geronimo, Irene Ghergo, Celeste Laudisio, Amato Pennasilico, Massimo Piesco e Svevo Tognalini.

A rendere più vivace - e forse imprevedibile - la finale del 20 settembre sarà poi la presenza, a fianco di Simona Ventura, di Massimo Ferrero, l’eccentrico presidente della Sampdoria, investito per l’occasione del ruolo di ‘presidente del popolo’.

Delle 33 finaliste, nove rimarranno in gara dopo la selezione della giuria. Tra queste, saranno la somma dei voti della giuria e del pubblico da casa a decretare la nuova Miss destinata a ereditare la corona dalla più bella d’Italia 2014, Clarissa Marchese.

Pubblica i tuoi commenti