Murdoch separa la Tv dall’editoria

Dopo gli scandali inglesi, News Corp prova a separare i destini dei giornali da quelli delle Tv e dell’audiovisivo. Lo scopo di Murdoch è di potersi muovere meglio nei due settori, sia a fini economici che ‘politici’.

Vediamo cosa ha scritto in merito 'Repubblica':

“Via libera del consiglio di amministrazione di News Corp alla divisione della società in due unità quotate, una in cui confluiscono le attività di intrattenimento (tv e cinema) e l'altra per quelle editoriali (carta stampata ed editoria). La decisione - riporta il Wall Street Journal - è stata presa all'unanimità dal Cda… durante il quale è intervenuto il presidente e amministratore delegato Rupert Murdoch e gli advisor finanziari hanno presentato la nuova struttura.

L'intero processo - aggiunge il Wall Street Journal - richiederà un anno. La divisione intrattenimento includerà, tra le altre cose, gli studios 20th Century Fox, la rete televisiva Fox e il canale Fox News. La divisione editoriale, invece, includerà anche il Times di Londra, il Wall Street Journal, la casa editrice HarperCollins e le attività educational di News Corp.

La divisione editoriale avrà margini di profitto più bassi dei quella dell'intrattenimento. La raccolta pubblicitaria dell'industria dei quotidiani è calata del 50% negli ultimi cinque anni, secondo i dati della Newspaper Association of America. "Senza un forte taglio dei costi, il margine di profitto della divisione editoriale scomparirà rapidamente" - afferma Ken Doctor, analista di Outsell. Per la divisione intrattenimento, invece, il margine di profitto sarà maggiore senza le attività editoriali. A questo si aggiunge il fatto che senza i quotidiani inglesi, la società che includerà le attività di intrattenimento potrà più facilmente effettuare acquisizioni. Secondo gli analisti, infatti, la società 'entertainment', una volta tagliati i ponti con quella dei quotidiani al centro dello scandalo intercettazioni, potrà riprovare ad acquistare la quota di BSkyB non ancora in possesso di News Corp”.

Pubblica i tuoi commenti