Notizie in breve

Akamai ha annunciato l’acquisizione di Octoshape, azienda leader nel settore delle tecnologie per la distribuzione video su banda larga. Grazie a un’unica combinazione di tecnologie brevettate, i servizi Octoshape sono pensati per ottimizzare la qualità dei flussi video per contenuti over-the-top (OTT) e per consentire soluzioni per la televisione via Internet Protocol (IPTV). Attraverso questa acquisizione, Akamai rafforza la propria leadership nell’offerta dei servizi per lo streaming di contenuti video.

Akamai e Octoshape sono insieme al NAB, in corso a Las Vegas.

 

La prima puntata del nuovo programma con Antonella Clerici ‘Senza parole’ (live), basato su storie ‘emozionanti’, che RaiUno ha provato a contrapporre sabato sera ad ‘Amici’ su Canale 5, ha registrato un ascolto di 3.592.000 telespettatori, per uno share del 15,61%. Non un disastro ma Maria De Filippi è lontanissima e la presenza di Saviano aiuta ad avere tanti bei titoli anche su giornali ‘importanti’. Risultato: la prima puntata del ‘Serale di Amici’ di Maria De Filippi (live) ha registrato un ascolto di 5.514.000 telespettatori per uno share del 25,78%.

 

“The Finisher”, a metà tra un reality e un programma informativo in onda su Bike Channel (canale 214 della piattaforma Sky), coinvolge triathleti esperti e neofiti. Mette in scena, in 8 puntate da 52 minuti con 20 repliche ciascuna, il percorso di preparazione di Sara Platini ed Enrico Pilia, due persone senza una particolare preparazione atletica che intendono prendere parte alle gare. Il programma è promosso sul web (piattaforme social proprietarie), in Radio (radio Deejay e altre) e sui canali Tv (su Sky e su Bike Channel). La qualità del prodotto è molto buona e prevede riprese in HD, utilizzo di droni, camere subacquee, e molto lavoro di post-produzione.

 

Ha preso il via la produzione del documentario “Io…Archimede”, prodotto da Cinecittà 3, ideato e realizzato dall’autore e regista Vittorio Muscia, che si trova negli Stati Uniti per raccogliere immagini e interviste.

“Io…Archimede” è un progetto documentaristico che evita di ripercorrere la già nota vicenda storico-biografica del grande matematico e inventore siracusano, concentrando invece lo sguardo su quanto la scienza e il mondo di oggi debbano alle scoperte, alle intuizioni e al genio di Archimede. Per questo motivo il racconto prenderà le mosse dal più importante documento storico relativo ad Archimede: il Palinsesto di Archimede, il manoscritto del 10° secolo, contenente copie dei trattati di Archimede “Sui Corpi Galleggianti”, lo “Stomachion” e “Il Metodo”.

 

Milano Film Network, in collaborazione con Filmmaker, propone un nuovo laboratorio produttivo finalizzato allo sviluppo di progetti audiovisivi e rivolto a giovani registi. L'esperienza, alla sua seconda edizione, si basa sull'attività di sviluppo e sostegno alla produzione portata avanti da oltre trent'anni dall'associazione Filmmaker e grazie alla quale sono stati prodotti i primi film di Studio Azzurro, Silvio Soldini, Michelangelo Frammartino, Alina Marazzi, Martina Parenti e molti altri.

Il format - inaugurato nel 2013 con il workshop “Nutrimenti terrestri, nutrimenti celesti” e perfezionato nel 2014 - si concentra sulla fase di sviluppo, momento importante e critico del processo creativo e realizzativo, da cui dipendono l’esito concreto delle idee cinematografiche e gran parte della struttura organizzativa, produttiva e finanziaria del film.

L'intero progetto è finalizzato allo sviluppo di idee cinematografiche che, una volta formalizzate in progetti realizzativi, verranno selezionate e sostenute dal punto di vista creativo, organizzativo e finanziario.

Le domande di ammissione devono essere caricate compilando l'apposito entry form al link http://www.filmmakerfest.com/Home/Form/41 entro e non oltre il 20 aprile.

 

In Italia la Televisione detiene ancora il primato tra i device utilizzati per la fruizione di video (l’84% la usa per vedere film vs 81% media UE; l’81% per seguire notiziari vs media UE 80%; il 77% per la visione di documentari vs 79% media UE) ma il 10% degli italiani usa il tablet per i notiziari.

Il mezzo televisivo, nello stesso tempo, diventa sempre più social: a febbraio i post relativi a programmi sono stati 6,4 milioni generando 433 milioni di impression (numero di volte che una pagina web viene visualizzata).

I dati emergono dalla survey ‘Digital Landscape and The Impact of Tv Everywhere’, condotta da Nielsen su un campione di 30.000 individui in 60 Paesi.

 

Nikon ha annunciato i vincitori del primo Nikon European Film Festival, realizzato in associazione con Raindance, organizzazione di cinema indipendente, e con la collaborazione di Asia Argento, regista e affermata attrice italiana. Ad aggiudicarsi il premio Grand Prix è stato “Voiceless - Stop the Bullies” (Senza voce - Stop al bullismo) del regista inglese Jagjeet Singh, che riceverà un kit video Nikon D810, la potente reflex da 36,3 megapixel sempre più utilizzata dai professionisti del video, e un viaggio di networking di una settimana, completamente spesato, al Festival di Cannes a maggio 2015.

Per le altre categorie, la giuria ha selezionato i seguenti vincitori:

Best Narrative (Miglior narrativa): ‘Frame of Reference’ (Quadro di riferimento) di Joel Jonsson e Christian Gardo (Svezia); Technical Excellence (Eccellenza tecnica): “Powerless” (Chi ha paura del buio?) di Martin Taube (Svezia); Best Student Entry (Miglior studente partecipante): “L’amour” (L’amore) di Camille Van Wessem (Repubblica Ceca).

Per la categoria Best Film as Voted for by the Public (Miglior film votato dal pubblico), che si basa sulle condivisioni e sui “Mi piace” ricevuti dai singoli cortometraggi sul portale del Nikon Film Festival, ha vinto “Greenwoodo” (Ritorno alla natura) di Marko Kovac (Serbia).

Il Nikon European Film Festival ha visto sfidarsi gli appassionati e i professionisti del cinema nella creazione di un cortometraggio della durata massima di 140 secondi sul tema “A Different Perspective” (Una prospettiva diversa).

 

Ei Towers, che ha lanciato l'Opas sulla maggioranza di Rai Way, dopo tante polemiche e interventi di autorità e istituzioni varie, cambia strategia e dice che non punterà più sull’acquisizione del 66,7% di Rai Way. Il piano B punta infatti a una quota minore, ossia il 40% della società controllata dalla Tv di Stato che resterebbe così il maggiore azionista di Rai Way con il 51%. Il nuovo progetto, pur non avendo come obiettivo quello di dar vita a un unico operatore a livello nazionale, dovrebbe portare a una forte collaborazione industriale, in presenza però di due società autonome.

 

Positive novità per Teleducato, emittente locale di Parma colpita prima dalla crisi economica e più di recente dalle accuse di truffa rivolte al suo editore Pier Luigi Gaiti, indagato per truffa per aver fornito dati falsi per ottenere maggiori contributi pubblici.

Gaiti si è dimesso dalla carica di amministratore delegato della società editrice Telemec. Al suo posto è stato nominato un commercialista: Thomas Gardelli, nome gradito al Tribunale, ma anche al socio di minoranza della Telemec, l’importante imprenditore delle grandi opere Paolo Pizzarotti.

Proprio Paolo Pizzarotti starebbe cercando nuovi fondi per sostenere il rilancio della Televisione, che pur sotto sequestro non ha mai interrotto la normale programmazione.

 

Hacker che affermano di agire per conto dello Stato islamico hanno attaccato e oscurato per alcune ore nei giorni scorsi l'emittente francese Tv5 Monde. L’ha riferito France Info, citando messaggi diffusi sui social network dai vertici della stessa Tv. Le trasmissioni sono state sospese a lungo, mentre sul profilo Facebook sono comparsi slogan jihadisti.

Per il premier francese Manuel Valls, l'oscuramento è "un attacco inaccettabile alla libertà d'informazione e di espressione". Le autorità francesi hanno aperto un'inchiesta e il governo è "determinato" a combattere i "terroristi", ha sottolineato il ministro degli Interni, Bernard Cazeneuve.

Pubblica i tuoi commenti