Pubblicità: primo quadrimestre 2011 in calo

Nielsen prevede un leggero miglioramento nel corso dell’anno.

Anche il secondo trimestre del 2011 si apre con una lieve flessione degli investimenti pubblicitari. Nel singolo mese di aprile la contrazione rispetto al 2010 è pari
al - 1,4%. Nei primi quattro mesi dell'anno il valore complessivo dell'advertising rilevato da Nielsen è stato di poco superiore ai 2,9 miliardi di euro con una variazione del - 2,6% rispetto all'anno precedente. A livello di mezzi internet è l'unico che cresce nel primo quadrimestre, mentre nel singolo mese di aprile si registra una leggera ripresa per Tv, periodici e cinema. Tra i settori merceologici pesa molto il calo delle aziende del comparto alimentari e telecomunicazioni. Automobili è l'unico in crescita tra i settori più importanti nel mercato pubblicitario. Nel corso dell'anno la situazione del mercato migliorerà progressivamente, ma la chiusura rispetto al 2010 sarà comunque negativa.

La televisione, considerando anche i marchi sky e fox, le emittenti trasmesse in digitale terrestre, e i canali terzi gestiti da sky, chiude il primo quadrimestre in calo del - 1,8%. Nella carta stampata si confermano in leggera ripresa i periodici (+ 1,0% nel singolo mese di aprile), mentre arretrano i quotidiani a pagamento. Nel complesso la stampa perde il -5,3% rispetto ai primi quattro mesi del 2010. Si registrano segnali confortanti per il cinema (+ 21,8% ad aprile) ma il dato cumulato è ancora negativo (- 15,4%). Internet chiude il quadrimestre con il + 17,6%, in calo gli altri mezzi rilevati da Nielsen.

A livello di settori ad aprile forte aumento per l'advertising dei settori automobili (+ 13,7%) e farmaceutici/sanitari (+ 30,4%). Analizzando sempre il singolo mese, in netto calo invece la spesa per telecomunicazioni (- 12,8%) e distribuzione (- 11,5%), mentre alimentari chiude quasi in linea con l'aprile 2010 (- 0,9%) dopo il primo trimestre caratterizzato da un netto calo. Considerando tutto il quadrimestre, tra i settori principali le aziende dell'automotive hanno aumentato la spesa rispetto al 2010 (+ 8,6%), in calo alimentari (- 7,5%), telecomunicazioni (- 8,2%) e abbigliamento (- 0,6%).

Secondo quanto riportato dal Nielsen Economic and Media Outlook, dopo la brusca frenata degli investimenti pubblicitari nei primi mesi del 2011, il mercato si riprenderà lentamente e chiuderà con una variazione di poco negativa (- 0,1%). A livello di settori peserà molto la riduzione della spesa da parte delle aziende del largo consumo, ed in particolare di quelle dell'alimentare, che sarà solo in parte compensata dalla crescita di altri settori come automobili e media/editoria. Decisamente migliori le previsioni per il 2012 con una crescita stimata intorno al + 4%.

The Nielsen Company è un'azienda globale con posizione di leadership nelle misurazioni e informazioni di marketing relative a consumer, retail, advertising, televisione, internet, mobile e altri media. È presente in oltre 100 Paesi con sede a New York (USA).

Pubblica i tuoi commenti