Radio Cairo 103 torna ma sul web

Era il primo dicembre 1975, gli anni d’oro dell’etere libero, quando nasceva Radio Cairo 103, storica emittente della radiofonia del savonese che tornerà in onda a febbraio grazie al web.

Quello di Radio Cairo 103 è il ritorno stoico di una radio nata per iniziativa di un gruppo di radioamatori, trascinati dall'entusiasmo di Gino Beltrame, che in seguito ne diventerà presidente, e che fu la diciassettesima a comparire nell’etere in Italia. Beltrame e la sua squadra con tanta buona volontà riuscirono a mettere in piedi una sorta di fenomeno sociale all' avanguardia con ascolti incredibili non solo in Liguria. Come molte altre emittenti del periodo, nata sull’onda dell’entusiasmo delle onde medie libere, la sua attività si basava sul volontariato di una ventina di giovani convinti dal progetto: animatori, tecnici, disk-jockey, giornalisti, semplici collaboratori, ragazzi studenti che volevano fare entrare la loro voce nelle case degli ascoltatori.
Appena nata radio Cairo 103 iniziò a trasmettere da una piccola cascina, in località Pastoni in cima a una collina con due trasmettitori, un'antenna, due piatti giradischi, un mixer, un registratore professionale e quattro microfoni. Le trasmissioni erano dalle 17 alle 22, tranne la domenica quando la partenza era anticipata di un'ora. La spesa per l'installazione degli impianti era stata di circa tre milioni di lire, finanziata dai soci fondatori. Subito la nascita della radio fu accompagnata da una certa diffidenza ma piano piano il team di Radio Cairo riuscì a conquistare sempre più pubblico crescendo in ascolti e in professionalità.

Nei programmi c’era di tutto ma soprattutto la vita della cittadina, musica e informazione giornalistica, per la maggior parte ottenuta intervistando la gente per strada. Negli anni Radio Cairo 103 cambierà sede, trasferendosi prima in via Ospedale Baccino, accanto al Palazzo Scarampi, poi nell'ex Palazzetto dello Sport in via XXV Aprile, continuerà a crescere nelle ore di trasmissione che diventeranno 24 su 24 diventando un punto di riferimento insostituibile per gli sportivi valbormidesi con trasmissioni specifiche dedicate ai risultati di calcio e alle radiocronache delle partite della Cairese, in quegli anni passò dalla Prima Categoria alla Serie C2.

Fino al 1995 l'attività della Radio prosegue, con qualche difficoltà qualche difficoltà ; un anno l'allora pretore Maurizio Picozzi indagò e condannò i fondatori per violazione dei diritti Siae, vicenda poi risoltasi con la decisione del governo di emettere nuove normative in merito alle trasmissioni via etere. Le frequenze di Radio Cairo passeranno poi Radio Canalicum, della Parrocchia. Ora dopo 40 anni Alessandro Ghione, animatore della radio dal 1978 al 1995 ha deciso di fare rinascere Radio Cairo grazie al web.

(Foto www.comunecairomontenotte.it)

 

Pubblica i tuoi commenti