Radio Free Libya, la voce degli insorti

Nelle scorse settimane se n’è parlato a più riprese: ecco quel che si sa attualmente di Radio Free Libya, l’emittente che ha dato voce ai ribelli a Gheddafi.

Si chiama Sawt al Lybia al hurra, Radio Free Lybia, di Tobruk, la Radio che ha tenuto e tiene informati i libici su quanto accade nel Paese dall'inizio delle proteste contro il colonnello Gheddafi e che ha fatto da controcanto alla Tv e alla Radio di regime. Prima controllata da agenti dell'intelligence libica, che avevano sempre l'ultima parola sui programmi da trasmettere, Radio Free Lybia è diventata una delle tre Radio d'opposizione del Paese dopo le rivolte.

Nello staff dell'emittente ci sono giovani di cultura universitaria che hanno iniziato a fare Radio sotto la censura di Gheddafi. A pochi giorni dal montare delle proteste, Gheddafi ha stretto ancor di più la morsa sui media, vietando tutti i programmi in diretta per evitare che qualche dissidente attaccasse il colonnello via etere. Significativa la testimonianza di Abdullah Idris, coordinatore dei programmi. “Loro (il regime n. d.r.) - dice Idris - erano nel nostro edificio, controllavano tutto”
Ma quando le proteste anti-regime hanno iniziato a trasformarsi in scontri, il 17 febbraio, gli impiegati della Radio si sono precipitati in strada sostenendo i dimostranti.

Tra il 20 e il 21 febbraio scorso i rivoluzionari hanno preso possesso di un trasmettitore in onde medie di El Baida attivo sui 1.125 kHz (il primo impianto che è stato occupato in Cirenaica, dove è nata la rivolta). Dopo El Baida, la voce di Radio Free Lybia è stata diffusa anche da Bengasi, dove un secondo impianto trasmette sui 675 kHz.

Radio Free Lybia è stata tra le prime Radio del Paese a offrire informazioni non censurate sulla rivolta contro Gheddafi. Ma l'emittente di Tobruk non ama usare toni enfatici o un linguaggio politicizzato. Nei momenti più confusi della rivolta ha cercato di informare con correttezza e con toni pacati su quanto succedeva in Libia.

Purtroppo informazioni più dettagliate sull'emittente sono difficili da reperire, anche se la Cirenaica è una delle zone ancora in mano ai ribelli. Si sa che l'emittente conta come staff su 32 persone e che queste ultime sono riuscite a salvare le attrezzature poco prima che, il 18 febbraio scorso, il quartier generale della Radio fosse bruciato.
Lo staff di Radio Free Lybia ha ricominciato a lavorare due giorni dopo l'incendio ma mantenendo il segreto sula sede dalla quale vengono attualmente trasmessi i programmi.

Pubblica i tuoi commenti