Rai: approvati i palinsesti

Nella giornata del quorum referendario la Rai approva a tambur battente, dopo tanti rinvii, gli agognati palinsesti. Ma Fazio scrive un’accorata lettera su ‘Repubblica’: “Qual è il mio problema con la Rai?”. Intanto almeno c’è l’accordo con l’Uefa sui prossimi Europei.

E alla fine tutto in Cda Rai è finito in breve, addirittura con otto voti favorevoli su nove (solo il Consigliere Verro si è astenuto e, dopo aver sostenuto solo pochi giorni fa in sostanza il contrario, ha poi tenuto a far sapere di non avere nulla contro i personaggi, di RaiTre, che portano pubblicità e pubblico alla Rai).

Non è stata una buona giornata per il Centro-Destra e non solo per i referendum. L'idea (folle, ci permettiamo) di bloccare le trasmissioni di RaiTre e nella sostanza l'intera rete, anche stavolta non è passata e resterebbe da chiedere ai Consiglieri di Centro-Destra, che solo pochi giorni fa avevano impedito l'approvazione dei palinsesti disertando il Cda, rilasciando anche (il citato Verro) dichiarazioni bellicose e danneggiando nei fatti la loro stessa azienda, che cosa mai (o chi) gli abbia fatto cambiare idea. Non ci illudiamo ci sia una risposta.

Palinsesti approvati, dunque, e a RaiTre resta tutto, compreso il direttore davvero di 'garanzia' Paolo Ruffini, e ci mancherebbe altro, verrebbe da dire, quando qui ci sono trasmissioni di grande successo e con personaggi che portano ascolti e pubblicità. Resta invece fuori quello che portava ascolti e pubblicità più di tutti, Michele Santoro, ma qui sembra ci sia poco da fare. Per il resto il DG Lorenza lei sembra si sia lamentata della accorata lettera di Fabio Fazio pubblicata stamattina da 'Repubblica' in cui l'anchorman si chiedeva: 'Ma perché la Rai non mi rinnova il contratto e mette a rischio 'Che tempo che fa' e il suo team? Qual è il problema?'.
La risposta anche qui non c'è, mentre Lorenza Lei ha garantito che i contratti ora verranno firmati (ma perché serve tanto tempo? Ah, saperlo…) e si spera che adesso adotti finalmente uno stile diverso da quello di Masi, basato su enigmatici rinvii e boicottaggi di fatto.

Ma nella lettera di Fazio ci si chiedeva un'altra cosa fondamentale: “Perché la Rai non vuole più Saviano e il programma di enorme successo 'Vieni via con me'? In Rai non è più possibile farlo e allora lo faremo altrove”.
Se Lorenza Lei vuole davvero voltare pagina alla Rai, allora faccia, con Garimberti, un atto immediato: faccia cioè in modo che 'Vieni via con me' possa esserci su RaiTre nella prossima stagione, con Fazio e Saviano. Sarebbe una decisione davvero nell'interesse dell'azienda e nel rispetto del pubblico. Vedremo se si è ancora in tempo ma soprattutto se c'è la volontà politica di farlo. Sarebbe un bel segnale dopo aver lasciato andare (eppure non vorrebbe andare a La7, ormai è chiaro) Santoro, che restava anche a un euro.

Proseguono intanto le illazioni sulle intenzioni di Berlusconi sulla Rai. Persa quest'altra battaglia, può essere che il Cavaliere torni all'attacco in altro modo, ma chissà se i cinque Consiglieri di Centro-Destra lo seguiranno stavolta, mentre l'idea di un decreto-legge sulla governance della Rai sembra più uno sfogo di rabbia che una possibilità concreta.

Ma perché non sembri che in Rai vada sempre tutto male, ecco una notizia positiva dei giorni scorsi. La riportiamo traendola dal comunicato ufficiale della stessa Rai:

«UEFA e RAI Radiotelevisione Italiana hanno raggiunto giovedì 9 giugno un accordo di esclusiva per i diritti di trasmissione in Italia di tutte le 31 partite degli Europei di calcio UEFA 2012.
La RAI assicurerà la trasmissione in diretta delle partite sui propri canali di Rai1 e Rai2, integrata da un pacchetto di rubriche dedicate e di programmi di highlights, garantendo in tal modo un'ampia esposizione televisiva in chiaro del Torneo in Italia. Inoltre, la Rai offrirà servizi internet e di telefonia mobile sia in diretta, che on-demand. La Rai ha acquistato anche i diritti di trasmissione relativi agli Europei di calcio UEFA under 21.
Commentando l'assegnazione dei diritti televisivi, Guy-Laurent Epstein, direttore Marketing della UEFA Eventi SA, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di continuare la collaborazione con la Rai, il nostro partner televisivo italiano di lunga data per gli Europei di calcio UEFA”.
Commentando l'assegnazione dei diritti televisivi, Giuseppe Pasciucco, direttore Diritti sportivi Rai, ha dichiarato: "Anche Rai esprime la propria soddisfazione ed un particolare ringraziamento a UEFA per aver confermato Rai quale Broadcaster ufficiale dei due più importanti eventi sportivi europei che vedono la partecipazione delle squadre nazionali di calcio. Rai è inoltre lieta di adempiere alla propria missione di Servizio Pubblico offrendo ancora una volta ai telespettatori la visione multipiattaforma di due tornei Premium che tradizionalmente appassionano il pubblico sportivo italiano”».

Pubblica i tuoi commenti