Rai: arrivano i “vice”

Il consiglio di amministrazione della Rai, su proposta del direttore generale Saccà e con il voto contrario del consigliere Zanda (area di Centro-Sinistra), mentre l’altro “oppositore”, Carmine Donzelli, era assente, ha nominato

nei giorni scorsi una bella serie di vicedirettori delle testate pubbliche.

Anche solo scorrere l'elenco non è semplice, vista la quantità di persone coinvolte, e tantomeno attribuire le rispettive "paternità politiche".

Proviamoci comunque, almeno per i "casi" più conosciuti: per il Tg1, i vice sono adesso i nuovi Daniela Tagliafico (DS), Francesco Pionati (UDC), Roberto Rossetti (AN), Fabrizio Ferragni (Centro-Sinistra) e i confermati Claudio Fico (Centro-Destra), Alberto Maccari; al Tg2 conferme per Mario De Scalzi (Forza Italia) e il veterano Luciano Onder, mentre nuovi arrivi sono Stefano Marroni (DS, da "Repubblica", ma, pare, stimato da Berlusconi), Daniele Renzoni (UDC), Rocco Tolfa (Margherita) e Giovanni Masotti (cattolico di Centro-Destra); al Tg3 tocca a Massimo Angius (DS), Angelo Belmonte (AN), Romano Bracalini (giornalista milanese esperto e notissimo in Rai, ora vicino alla Lega), Stefano Gentiloni (DS), Mario Meloni (Centro-Sinistra) e Pierluca Terzulli (Margherita); alla Tgr spazio a Pier Luigi Camilli, al noto Dario Carella (Centro-Destra), a Alessandro Casarin, Mario Colangeli, Anna Donato e Domenico Nunnari.

Chiudiamo con il Gr: vicedirettori sono stati designati i già noti Andrea Bonocore, Innocenzo Cruciani, Antonio De Martino, Giuseppe

Grandinetti, Andrea Valentini, oltre che Gianfranco D'Anna e Flavio Mucciante.

Nella più recente seduta il Cda Rai ha inoltre approvato all'unanimità la presa d'atto dei piani editoriali presentati dai direttori del Tg1 Clemente Mimun, del Tg2 Mauro Mazza, del Tg3 Antonio Di Bella, della Tgr Angela Buttiglione e del Giornale radio Bruno Socillo. Sono in corso le consultazioni delle redazioni per il voto sui progetti in questione.

Pubblica i tuoi commenti