Regioni: da Puglia, Umbria e Abruzzo sostegno alle Tv locali

Con provvedimenti diversi nelle forme ma analoghi nella sostanza tre Regioni si preparano a sostenere le Tv locali nel difficile passaggio al digitale terrestre, in vista dei rispettivi switch-off.

Informazioni dettagliate sono state fornite dal 'bollettino' FRT 'Radio & Tv Notizie':

«La Regione Puglia ha pubblicato sul BUR il Regolamento 11 marzo n. 2 che introduce incentivi per le Piccole e Medie Imprese che operano nel settore televisivo per favorire gli investimenti necessari per le trasmissioni in digitale terrestre. I soggetti destinatari delle agevolazioni sono le Piccole e Medie imprese titolari di emittenti televisive locali, operanti con impianti televisivi ubicati nell'ambito del territorio della Regione Puglia. Il costo ammissibile dei Programmi di investimento non può superare l'importo di Euro 1.500.000,00.
Le spese ammissibili sono: a) opere murarie e assimilate in misura non superiore al 10% dei costi di investimento; b) acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, finalizzati e funzionali all'implementazione del processo di trasmissione in digitale; c) acquisto di programmi informatici finalizzati e funzionali all'implementazione del processo di trasmissione in digitale; d) acquisto di brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate strumentali al progetto di innovazione; e) costi per acquisizione di servizi di consulenza utilizzati esclusivamente ai fini della realizzazione del progetto di innovazione, compresi servizi di assistenza tecnologica, servizi di trasferimento di tecnologie e servizi di progettazione del processo di trasmissione in digitale.
Il limite del sostegno è fissato al 20% del costo del programma di investimenti ammissibili.
La Regione Puglia procederà nel prossimo futuro all'emanazione del Bando per la richiesta delle agevolazioni.

Anche la Regione Umbria sta "predisponendo un bando a sostegno delle Tv Locali secondo criteri e modalità che saranno condivise al tavolo della Commissione tecnica regionale sull'emittenza radiotelevisiva". È quanto ha affermato l'Assessore regionale alle Infrastrutture tecnologiche immateriali, Stefano Vinti, nel corso di una visita presso la sede di Umbria Tv, a Perugia. Il fiduciario regionale della FRT per la Regione Umbria, Emanuele Mapelli, ha chiesto l'impegno della Regione per la tutela del sistema televisivo umbro nella delicata fase di passaggio al digitale terrestre».

Ed eccoci all'Abruzzo:

«Dopo Puglia e Umbria anche la regione Abruzzo si sta preparando a sostenere le emittenti televisive locali allo scopo di favorire il passaggio al digitale terrestre. L'assessore all'Ambiente e all''Energia… ha presentato il bando pubblico regionale a cui le emittenti televisive abruzzesi dovranno rispondere per il perfezionamento dello swicth off.
L'assessore ha dichiarato: "La normativa nazionale ci dà la possibilità di agevolare le emittenti televisive locali nel passaggio tecnico al digitale terrestre erogando contributi ad hoc” e ha anche aggiunto che "la Giunta regionale, si è voluta muovere nella doppia direzione della tutela della salute pubblica e del miglioramento del servizio tecnico dell'emittenza privata”.
Filippo Lucci, presidente del Corecom Abruzzo, ha precisato che "si tratta di contributi in regime di 'de minimis' che possono coprire fino ad un massimo del 50% dell'investimento tecnologico”. Ma possono accedervi “anche quelle Televisioni che hanno già avviato il passaggio al digitale terrestre con spese di investimento a far data dal primo luglio 2010”».

Pubblica i tuoi commenti