Riaperti i bandi per la ‘rottamazione’

Come da sentenza del Tar, il Governo sta per riaprire per tre giorni i bandi per quanti, nelle regioni interessate all’operazione, vogliano ‘rottamare’ le proprie Tv nella banda 61-69. Pubblicato il provvedimento.

Ecco quanto è comparso sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico:

«Prorogato il termine di presentazione delle domande per l'attribuzione delle misure compensative finalizzate al volontario rilascio delle frequenze della banda 790-862 MHz.

Con Decreto Direttoriale del 27 giugno 2012 è stato riaperto di tre giorni, a partire dal decimo giorno di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il termine di presentazione delle domande per l'attribuzione delle misure compensative finalizzate al volontario rilascio delle frequenze della banda 790-862 MHz.

 Rimangono fermi i criteri e le disposizioni del decreto direttoriale 23 gennaio 2012.



Il decreto di proroga è in fase di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Con decreto interministeriale 23 gennaio 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 50 del 29 febbraio 2012, sono determinate le somme per l'attribuzione di misure economiche di natura compensativa finalizzate a promuovere un uso più efficiente dello spettro attualmente destinato alla diffusione di servizi di media audiovisivi in ambito locale attraverso la liberazione delle frequenze della banda 790-862 MHz, così come previsto della legge 13 dicembre 2010, n. 220.

L'importo sarà destinato, successivamente al rilascio volontario delle frequenze oggetto della domanda, agli operatori di rete cui sia stato già attribuito il diritto d'uso di frequenze digitali televisive che ne faranno richiesta. 

Le domande di adesione dovranno essere redatte secondo le modalità previste dal Decreto e presentate, pena esclusione, al Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per le Comunicazioni, Direzione Generale Servizi di Comunicazione Elettronica e Radiodiffusione, viale America 201, 00144 Roma -Divisone III, piano 5°, stanza 504, dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale, tramite consegna a mano, corriere o posta raccomandata o assicurata.



Saranno escluse dalla procedura le domande presentate oltre il termine previsto.
 Il recapito delle domande è a totale rischio del partecipante.
 
Eventuali richieste di informazioni e chiarimenti potranno pervenire al Ministero in forma scritta, via fax al n. 06.5913110 o via e.mail all'indirizzo bando.tvlocali@sviluppoeconomico.gov.it fino alla scadenza del settimo giorno dalla pubblicazione del decreto.

Le risposte ai quesiti saranno rese pubbliche, fermo restando l'anonimato del richiedente, sul sito internet www.sviluppoeconomico.gov.it.
 
Il Ministero dello Sviluppo Economico procederà alla verifica delle domande al termine della quale verranno redatte le graduatorie regionali. Del riconoscimento dell'indennizzo e del relativo ammontare sarà data notizia sul sito istituzionale».

Pubblica i tuoi commenti