Sanremo, le novità della 66ma edizione

Il direttore di Rai 1 Giancarlo Leone ha aperto ieri la conferenza stampa di presentazione della 66ma edizione del Festival commemorando la scomparsa di David Bowie, super ospite nell’edizione 1997, condotta dal Mike nazionale. Ha preso quindi la parola Carlo Conti, confermato conduttore anche di questa edizione e della prossima che, appena insignito del titolo di 'Amico di Sanremo' - onorificenza concessa dalla comunità della città dei fiori per mano del sindaco Biancheri - svela finalmente il cast fisso. Ad affiancarlo saranno Virginia Raffaele, nota per le azzeccate parodie della Rodriguez, di Nicole Minetti, di Ornella Vanoni e molte altre. Da lei ci aspettiamo la messa in scena della ministra Boschi, chissà ... e Madalina Ghenea, modella nonché attrice di origini rumene. Già protagonista nel 2011 di Ballando con le stelle, chiamata di recente a interpretare Miss Universo nel film di Sorrentino Youth-La Giovinezza. Per la gioia delle spettatrici, a sorpresa completa il cast  il sex symbol della Tv Gabriel Garko, impegnato a rappresentare se stesso.

Nulla trapela riguardo ai super ospiti internazionali, anche se Giancarlo Leone non conferma né smentisce una partecipazione di Elton John, mentre per il super ospite italiano sono confermati Laura Pausini, Eros Ramazzotti, i Pooh con Riccardo Fogli e Renato Zero.

Il 'mosaico' canoro (così definito dal conduttore) è variegato come non mai, abile mossa di Carlo Conti per rendere il festival appetibile a tutte le categorie di telespettatori: Annalisa con "Il diluvio universale" - Arisa con "Guardando il cielo" - Alessio Bernabei con "Noi siamo infinito" - Clementino con "Quando sono lontano" - I Dear Jack con "Mezzo respiro" - Dolcenera con "Ora o mai più" (le cose cambiano) - Elio e le Storie Tese con "Vincere l'odio" - Irene Fornaciari con "Blu" - Lorenzo Fragola con "Infinite volte" - Rocco Hunt con "Wake Up" - Debora Iurato e Giovanni Caccamo con "Via da qui" - Francesca Michielin con "Nessun grado di separazione" - Morgan e i Bluvertigo con "Semplicemente" - Neffa con "Sogni e nostalgia" - Noemi con "La borsa di una donna" - Patty Pravo con "Cieli immensi" - Enrico Ruggeri con "Il primo amore non si scorda mai" - Valerio Scanu con "Finalmente piove" - Gli Stadio con "Un giorno mi dirai" - Zero Assoluto con "Di me e di te" come si noterà ce n’è per tutti i gusti.

La novità di quest’anno arriverà al venerdì, serata in cui sarà stilata la classifica delle 20 canzoni in gara e, per le ultime 5 classificate si aprirà un televoto, aperto fino al giorno successivo, che ne salverà una, da  riammettere alla serata finale assieme alle prime 15.

Gli otto ragazzi usciti da Sanremo Giovani: Alessandro Mahmud, Cecile, Chiara Dello Iacovo, Ermal Meta, Francesco Gabbani, Irama, Miele e Michael Leonardi si sfideranno come al solito esibendosi in prime time nelle serate di Mercoledì e Giovedì, i quattro più votati, due per ogni turno, accederanno alla serata di Venerdì, quando sarà proclamato il vincitore.

Molte novità tecnologiche riguardano la scenografia realizzata da Riccardo Bocchini e l’impianto di ripresa diretto dal regista Maurizio Pagnussat. Tutta la produzione e l’allestimento della macchina del Festival è già all’opera da circa una settimana e sarà realizzata da risorse interne alla Rai. Ma di questo relazioneremo con cura più avanti. Ultima novità sarà il ritorno del Dopo Festival in onda da tutte le sere, esclusa la serata finale, da Villa Ormond, e condotto dal Nicola Savino con il contributo dei tre della Gialappa’s.

Pubblica i tuoi commenti