Sardegna Uno cambia proprietà

È stato definito il passaggio della nota e importante emittente televisiva sarda da Paolo Ragazzo alla coppia Angela Maria Scanu – Giorgio Mazzella. Come direttore arriva Paolo Campana.

Si è finalmente conclusa la telenovela (se ne parlava già da luglio ma per una serie di problemi e verifiche contabili tutto si è concretizzato solo in questi giorni) della vendita di Sardegna Uno, importante emittente televisiva regionale della Sardegna. La famiglia Ragazzo ha dunque ceduto il controllo della Tv sarda (che ha anche un canale via sat, da diversi anni) alla società editrice Sardegna Tv, facente capo all'imprenditrice Angela Maria Scanu, moglie del più noto Giorgio Mazzella, presidente di Banca CIS e anch'egli imprenditore, nel campo turistico (un personaggio piuttosto noto nell'isola), considerato vicino al nuovo presidente della Regione Renato Soru.

Il costo dell'operazione si aggira sui 4 milioni di Euro. Con il cambio di proprietà arriva anche un nuovo amministratore delegato, nella persona di Lugi Scanu (padre di Angela Maria) e anche un nuovo direttore responsabile, a sostituire Sandro Angioni. Si tratta, in quest'ultimo caso, di un altro personaggio noto nel mondo della Tv: è Paolo Campana, già a Videolina, a lungo, e a Nova Tv, protagonista da anni delle trattative per il contratto nazionale del settore radiotelevisivo per conto della FRT.

Ma il passaggio di proprietà non è del tutto indolore per la Tv sarda (sempre in forte perdita negli ultimi anni); infatti col cambio di proprietà sono anche arrivate le prime lettere di licenziamento (esattamente 4), sicché il personale ammonta adesso complessivamente a 29 persone. Alcuni dei licenziati tuttavia potrebbero essere riassorbiti dal vecchio editore Paolo Ragazzo nel suo gruppo (che si occupa soprattutto di cliniche private).

Pubblica i tuoi commenti