Scorrimenti eleganti con lo slider di ShooTools

L'italiana ShooTools ha progettato da zero un nuovo tipo di slider che, per caratteristiche e funzionalità, prende il nome di Pro e si rivolge a un’utenza professionale

A seconda della sua misura, uno slider consente movimenti di camera più o meno lunghi ma sempre in un range orientativo che va tra 50 e 200 cm. Lo slider è, in pratica, una versione molto ridotta del cosiddetto “Dolly” cinematografico che invece consente movimenti di camera molto più lunghi, nell’ordine di metri. Mettiamo a fuoco lo Slider Pro da 80 cm prodotto da ShooTools, azienda italiana, con sede in Friuli, che progetta e realizza strumenti professionali per movimenti di camera (slider, appunto, ma anche dolly e sistemi di movimento elettronico). Dopo aver sviluppato e commercializzato per alcuni anni una sola versione di Slider in varie misure, ShooTools ha deciso di progettare da zero un nuovo tipo di slider che, per caratteristiche e funzionalità, prende il nome di Pro, rivolgendosi quindi ad un’utenza più professionale.

Prima di tutto, il disegno del binario, molto più essenziale, con laterali in legno e disegnato ed estruso su esclusiva ShooTools senza però perdere in rigidità torsionale, ha consentito una notevole riduzione del peso (1,5 Kg di peso a secco) e la possibilità di sopportare un carico di 50 Kg. L'azienda commercializza quattro diverse lunghezze: 60/80/100/150 cm. La garanzia sul prodotto è di tipo “lifetime”, quindi a vita, un aspetto non affatto da sottovalutare se si considera che lo Slider può essere usato in condizioni molto diverse, da una chiesa, al set di uno spot, ma anche in cima a una montagna per riprese in timelapse. Anche il carrello è stato ridisegnato totalmente da zero. Il meccanismo di stazionamento è ora affidato ad una comoda leva che lo blocca o sblocca, senza dover ricorrere a una vite come nelle versioni base. La frizione è un altro aspetto cruciale dello Slider: poter determinare la fluidità del movimento utilizzando una sorta di freno regolabile è fondamentale, soprattutto se si voglio ottenere movimenti a velocità costante. Nello Slider Pro la frizione è affidata ad un piccolo pressore verticale dotato di feltrino, che viene regolato con una ghiera posta proprio in mezzo al carrello. Le ruote per il movimento sono realizzati con un innovativo tecnopolimero dal nome ST-66, resistente al calore, garantendo sia robustezza, sia estrema fluidità di movimento. Il doppio cuscinetto su ciascuna ruota garantisce la massima fluidità. La sensazione di utilizzo sul campo è molto buona, persino con Cinecamere di un certo peso, come la Canon C100 MkII ritratta nelle fotografie.

Leggi l'articolo completo sul numero di luglio-agosto di Millecanali

Pubblica i tuoi commenti