Sette vite… da ridere

“7 Vite” è una interessante sitcom prodotta da Publispei in onda su RaiDue alle 19, dal lunedì al venerdì fino a luglio.

"7 Vite" è una sitcom prodotta da Publispei in onda su RaiDue alle 19, dal lunedì al venerdì fino a luglio, con 50 nuovi episodi nata dal format spagnolo "7 vidas". La sitcom è alla seconda serie e vede i suoi personaggi ormai diventati "grandi" che hanno messo la testa a posto.

ll cast fisso, costituito da Michela Andreozzi, Elena Barolo, Giuseppe Gandini, Massimo Olcese, Luca Seta e Marzia Ubaldi, si è arricchito di alcuni personaggi che agiranno in molte delle cinquanta puntate previste: Marco Bonini, Giancarlo Magalli, Roberta Giarrusso, Natasha Stefanenko, Amanda Lear, Mauro Pirovano, Gianni Fantoni, Federica Cifola, Fabrizio Giannini, Danilo Brugia, oltre ai due adolescenti Mick e Tommy, interpretati da Vincenzo Zampa e Valentino Campitelli.

A questi, vanno aggiunte le guest star: personaggi che vivono per una sola puntata e sono interpretati da attori come Luigi Diliberti, Anita Zagaria, Paola Tiziana Cruciani, Paolo Triestino, Adelmo Togliani, Gino Rivieccio, Augusto Fornari, Marco Masini e tanti altri.

A trentun anni suonati, Davide si è iscritto all'università e ha conquistato Laura, cugina snob appassionata di shopping e di figure paterne. Laura, dal canto suo, ha finalmente scoperto che cosa vuol dire lavorare. Ma la vita di coppia non è meno accidentata di quella da single, soprattutto dopo l'arrivo dell'affascinante Serena.

I personaggi però sono cresciuti di un anno senza maturare e si accoppiano per affrontare insieme la realtà. Giunto il momento di "assumersi le proprie responsabilità" si accorgono un po' tutti di non esserne capaci. Ed è questo il la che dà il via nelle diverse puntate a situazioni esilaranti nelle quali è facile immedesimarsi, forse perché vissute da molti di noi. Come l'episodio in cui Leo, che non ha una fidanzata, dice di averla perché preso in giro dagli altri e si trova costretto a rimediarne una in poche ore. Ci riesce affidandosi al Web ma non tutto andrà per il verso giusto.

Le scene sono veloci e tutto il plot è giocato su equivoci tipici della commedia all'italiana, classici ma sempre divertenti, con dialoghi freschi e vivaci dai toni scanzonati. L'umorismo è di discreto livello e garantisce più di una risata.

Pubblica i tuoi commenti